148
Torna l'appuntamento di Calciomercato.comun cappuccino con Mario Sconcerti. I temi dell'attualità calcistica approfonditi da uno dei punti di riferimento del giornalismo italiano e presenza fissa sulle pagine del nostro sito. L'approfondimento di oggi è sull'ormai prossimo passaggio di Edin Dzeko alla Juve e di Arek Milik alla Roma.

La Roma è stata formidabile a scambiare Dzeko con Milik. Non c’era in Italia un attaccante più adatto e pochissimi erano quelli possibili in Europa. Non parlo ancora di qualità, parlo della trattativa. Prendere Milik a poco più di venti milioni e pagarlo con lentezza era impensabile anche in tempo di covid. E’ stata probabilmente decisiva la presenza a Roma della nuova presidenza, ma è una delle poche volte in cui vedo De Laurentis uscire ammaccato da una trattativa.

Ascolta "Roma, Milik è un colpo formidabile: segnerà più di 20 gol" su Spreaker.

Dzeko è stato e resta un grande giocatore, con numeri eccezionali, 172 presenze in 5 campionati vuol dire aver giocato più di 34 gare a stagione, cioè tutte. Con la Roma chiude con 78 gol, una media di 0.46, decisamente alta. Milik in Italia è a 103 presenze e 38 reti, media da 0,36 a partita. Media già buona, ottima ricordando le due lesioni al crociato, una nel ’16 e una l’anno dopo. Dzeko farà benissimo alla Juve come ha fatto bene dovunque. Milik, come Dzeko, sa fare tutto, in area e fuori. Punizioni comprese. Credo che alla Roma segnerà più di 20 gol.