Commenta per primo
Un anno esatto fa, il 13 maggio del 2009, la Sampdoria di Walter Mazzarri era a Roma pronta a giocarsi la finale di Coppa Italia. Oggi, 13 maggio del 2010, l’avversario di turno, in quel di Bogliasco, arriva dalla Vallestura e milita in Seconda Categoria. Ma questo conta poco. La finale - perché di finale vera e propria si tratta - la Sampdoria di Gigi Del Neri se la giocherà domenica, il 16 di maggio, alle ore 15.00. E lì, in un Marassi stracolmo di tifo e colori, ci sarà in palio l’impensabile: un intero campionato, un sogno chiamato Champions League. Formazione. Intanto, però, c’è da affrontare, guarda caso sotto l’acqua del Poggio, i crociati di mister Piombo. Vista la pioggia, il tecnico doriano decide di ridurre la partitella - due tempi da 24 minuti l’uno - e di mandare in campo lo stesso undici - eccezion fatta per la staffetta tra Storari e Guardalben - per tutta la contesa. In difesa giocano Cacciatore, Lucchini, Rossi e Ziegler, a centrocampo Tissone e Franceschini; sulle corsie laterali viaggiano Padalino e Guberti pronti a rifornire le due punte Pozzi e Pazzini. Nubifragio. Già al 2’ ci pensa Franceschini a sbloccare: il mancino romano va in percussione centrale, supera il portiere Lanzicher e deposita in rete. Sembra il preludio alla solita scorpacciata del giovedì e invece il primo mini-tempo si chiude proprio sul punteggio di 1-0. Sotto un nubifragio, Pazzini prima, Pozzi poi e ancora Pazzini vanno vicini in più occasioni al raddoppio blucerchiato ma dalle parti dell’estremo masonese non si passa. Cinquina. Nella seconda parte dell’incontro, Del Neri come detto non cambia interpreti e il bottino viene arrotondato. Al 9’, su cross dalla destra di Cacciatore, e al 18’, sul filo del fuorigioco, Nick firma la propria doppietta, inframmezzata da uno splendido gol acrobatico del Pazzo. A un istante dal fischio finale il 5-0 lo firma Cacciatore. Ironia della sorte, a Bogliasco non piove più. Sampdoria (4-4-2): Storari (1’ s.t. Guardalben); Cacciatore, Lucchini, Rossi, Ziegler; Padalino, Tissone, Franceschini, Guberti; Pazzini, Pozzi. Allenatore: Luigi Del Neri. Masone (4-4-2): Lanzicher; Carlini, Sagrillo, Ravera, S. Macciò; C. Macciò, Demeglio, Oliveri, Minetti, Galetti, Andrea Pastorino. A disposizione ed entrati nella ripresa: Chericoni, Sirito, Parodi, M. Macciò, M. Pastorino, Gagliardi, Bottero, Rena, Alessio Pastorino, Alessandro Pastorino. Allenatore: Roberto Piombo.