Serie A is back. Finalmente è tornato il campionato, che ieri ha visto il suo via ufficiale con la partita ricca di gol e spettacolo tra Chievo e Juventus, nell'esordio ufficiale di Cristiano Ronaldo con la squadra di Massimiliano Allegri. Una stagione che, per la prima volta dopo tanti anni, è cominciata a mercato chiuso, visto che questa finestra di trasferimenti si era conclusa alle 20 di venerdì. Una sessione tutt'altro che avara di colpi importanti e clamorosi, che hanno rilanciato il mondo italiano del pallone.

DA RADJA A CR7 - Circa tre mesi di trattative e di rincorse per il sottoscritto, che si erano aperti a fine maggio con il primo faccia a faccia tra Piero Ausilio, direttore sportivo dell'Inter, e Alessandro Beltrami, agente di Radja Nainggolan, che ha raggiunto il suo maestro Spalletti con un anno di ritardo rispetto ai piani dei nerazzurri. Qualche settimana di tempo e l'occhio dei tanti appassionati di calcio ha visto qualcosa di incredibile, un evento nemmeno immaginabile fino a qualche giorno prima: nei tanti incontri che vi abbiamo raccontato tra il duo Marotta-Paratici e Jorge Mendes per l'acquisto di Cancelo si era parlato anche di Cristiano Ronaldo, uno dei due giocatori più forti al mondo, che ha deciso di lasciare il Real Madrid e proseguire la sua vita calcistica in bianconero, conquistato dagli applausi dello Stadium ricevuti appena un paio di mesi prima. 
DESTINI INCROCIATI - L'arrivo di CR7, chiaramente, avrebbe potuto oscurare l'intero mercato da quel 10 luglio, giorno del suo annuncio ufficiale. Invece le big di Serie A - e in particolar modo Milan e Juventus hanno deciso di non farsi mancare nulla e imbastire uno degli scambi più clamorosi di sempre, col ritorno del figliol prodigo Bonucci in bianconero architettato dall'agente Alessandro Lucci e il contemporaneo passaggio nella squadra di Rino Gattuso dello "scaricato" Gonzalo Higuain, dopo una trattativa lunga e complessa tra Leonardo e il fratello-agente del Pipita, Nicolas.

URLA SENZA BOTTO - Le curiosità non finiscono qui: Sassuolo, Frosinone e Cagliari, per esempio, si sono rinforzate pescando rispettivamente da Barcellona (Marlon), Arsenal (Campbell) e Liverpool (Klavan), confermando come l'effetto CR7 abbia portato benefici a tutta la Serie A. Niente colpo da urlo finale, coi tifosi di Inter e Milan rimasti delusi per i mancati arrivi di Modric e Milinkovic-Savic, ma tante urla, come quelle di Rino Foschi venerdì pomeriggio all'hotel Melia, furioso per il mancato trasferimento di Clemenza al Palermo. Episodi, racconti e retroscena dell'estate di mercato più clamorosa di sempre, tutta da vivere e raccontare sul ciglio di un marciapiede.