Commenta per primo

Il Gubbio vince in rimonta 2-1 contro il Grosseto, mettendo subito in discussione Leonardo Acori appena subentrato all'esonerato Cuccureddu. Nelle prime fasi di gioco il pallone staziona a centrocampo non facendo decollare l'incontro. La prima occasione degna di nota arriva al 22' in favore del Grosseto. Ferretti manca la sfera in area piccola ma dietro di lui riesce a recuperare Bombagi, che viene però murato efficacemente dalla difesa eugubina. Al 33' è ancora Bombagi ad impegnare dal limite Pisseri, che si vede costretto alla chiusura in tuffo in angolo per sventare il destro a girare. Un'azione insistita del Grosseto al 40', nata dal recupero di un pallone conteso sulla mediana, innesca Onescu sulla fascia destra che serve poi un perfetto cross per l'accorrente Ferretti; ottimo lo spunto in velocità del numero 10 che di testa mette a segno il vantaggio dei padroni di casa. I rossoblù aprono la seconda frazione di gioco con maggiore determinazione. Al 57' uno svarione della difesa consente al Gubbio di pervenire al pareggio grazie a Luparini che, servito da rimessa laterale, riesce a deviare sotto porta il pallone quel tanto che basta, insaccandolo a fil di palo. Il Grosseto prova ad impostare una reazione, sfiorando al 70' il gol del vantaggio con il colpo di testa di Marotta, su traversone di Ferretti, che viene tuttavia respinto in angolo dall'ottimo Pisseri. I biancorossi mollano la presa e, nonostante la superiorità numerica ottenuta al 74' per il doppio di giallo ai danni di Baccolo, soffrono le incursioni del Gubbio, che a dieci minuti dal fischio finale riesce perfino a raddoppiare; Falconieri si ritrova il pallone servito dalla stessa linea difensiva biancorossa e, superato agevolmente Lanni, appoggia in rete il gol che vale i tre punti in favore degli ospiti.

GROSSETO

Il tecnico del Grosseto, Leonardo Acori: 'Nel primo tempo la squadra mi è piaciuta molto, considerando le grandi difficoltà di fare gioco con un Gubbio molto chiuso. Trovare gli spazi in una difesa schierata a cinque non è impresa semplice, e in più siamo riusciti a mettere a segno anche un gol dalla fattura davvero pregevole. Forse nel secondo tempo ha avuto il sopravvento la paura di vincere, di questo devo però parlarne meglio con i ragazzi. Io, quando ho assunto la guida di questa squadra, avevo piena fiducia in questi giocatori e continuo ad averla ancora adesso, però non si possono perdere le partite in questo modo. In avanti, anche fino alla fine con Ferretti che per un soffio ha sbagliato la palla del pareggio, abbiamo fatto la nostra partita. Dobbiamo certamente lavorare sulla fase difensiva e sulle palle inattive, anche perché quando certi sbagli avvengono con questa frequenza, non si tratta più di una casualità. Insomma, le partite vengono determinate soprattutto dagli episodi ed è davvero un peccato buttare punti preziosi in un campionato nel quale possiamo tranquillamente dire la nostra'.

GUBBIO

Il tecnico del Gubbio, Giorgio Roselli: 'E' ancora presto per dire che abbiamo riaperto il discorso play-off. Devo sicuramente ringraziare i miei ragazzi perché stanno facendo cose straordinarie dal punto di vista dell'impegno e dell'abnegazione, però è anche vero che se vogliamo puntare a qualcosa di importante dobbiamo iniziare a creare qualcosa di più. Purtroppo questa è una categoria molto complicata da gestire, dove persino gli schieramenti tattici trovano difficoltà ad imporsi sulle dinamiche di gioco. La vittoria che è arrivata in questa trasferta, considerando anche l'uomo in meno, forse penalizza eccessivamente il Grosseto, che avrebbe certamente meritato il pareggio. Ma è nostro dovere saper approfittare di queste occasioni per guardare con positività al prossimo impegno'.

L'attaccante del Gubbio, Alessandro Luperini: 'Io cerco in tutti i modi di ricambiare la fiducia che mi viene concessa. Oggi il mister mi aveva chiesto di tenere palla, e anche se non è nelle mie caratteristiche visto che preferisco inserirmi negli spazi, ho seguito le sue indicazioni. Poi, alla prima occasione che mi è capitata, sono riuscito a metterla dentro, e di questo sono felicissimo, perché questa vittoria importante contro il Grosseto ci riporta sulla strada giusta anche in campionato'.