Calciomercato.com

  • Empoli, le pagelle di CM: Caputo grazia la Lazio, Bereszynski si distrae e indirizza il match

    Empoli, le pagelle di CM: Caputo grazia la Lazio, Bereszynski si distrae e indirizza il match

    • Tommaso Fefè
    Lazio – Empoli 2-0


    Caprile 6: un paio di buoni interventi, ma non può nulla quando Patric gli sbuca davanti in area piccola.

    Bereszynski 5: si perde Patric sul gol dell’1-0. Disattenzione grave che indirizza il match.

    Ismajli 6: segue Immobile ovunque vada. Fa valere peso e centimetri sia nel gioco a terra, sia sui palloni alti.

    Luperto 5,5: fa fatica a seguire i movimenti avversari sulla trequarti. Deve usare più di una volta le maniere forti per mettere una pezza dove può.  (dal 30’s.t. Shpendi 6: Mandas gli toglie dalla porta il colpo di testa che poteva regalare qualche minuto di speranza. Tra i migliori dei subentrati, insieme a Cambiaghi)

    Gyasi 6: fa il suo e si propone spesso, ma inspiegabilmente viene servito pochissimo. 

    Bastoni 5,5: non funziona il suo filtro. Si schiaccia troppo sui difensori e lascia libero Kamada di manovrare. (dal 9’s.t. Cambiaghi 6,5: dà un altro passo a tutta la squadra con la sua corsa. Pericolo costante per i difensori della Lazio.)

    Marin 5,5: soffre la pressione di Kamada e Guendouzi. Anche davanti si fa vedere poco.

    Maleh 5,5: tanta corsa ma poca sostanza. Recupera qualche pallone più per errori degli avversari che per suoi meriti.  (dal 30’s.t. Fazzini sv)

    Pezzella 6: chiude bene la strada alle discese avversarie sulla sua fascia. Esce stremato. (dal 21’ s.t Cacace 5,5: Nicola cambia l’assetto per provare a recuperare, ma lui fatica a trovare la posizione per rendersi utile)

    Cancellieri 6,5: lavora tanto tra le linee. Le ripartenze più pericolose passano tutte dai suoi piedi.

    Caputo 5: spreca la migliore chance del primo tempo, colpendo male e favorendo l’intervento di Mandas. (dal 21’ s.t. Destro 5: non crea pericoli)


    All. Nicola 5,5: squadra troppo schiacciata nella prima parte di gara. Affidarsi solo alle ripartenze non ha pagato. Nel finale gettare nella mischia tutti gli attaccanti finisce per creare solo confusione.

    Altre Notizie