204
 Leao contro il Parma ha rotto un digiuno che durava dal 9 gennaio. Un tocco delicato a tu per tu con Sepe per regalare tre punti al Milan e mettersi alle spalle un periodo difficile tra infortuni e prestazioni non sempre all'altezza. Rafael è così, croce e delizia. Un talento puro con mezzi tecnici e fisici ancora inesplorati ma che ha sempre vissuto tra alti e bassi la sua esperienza rossonera. Pioli si augura che il gol messo a segno al Tardini possa diventare la scintilla per un grande finale di stagione dell'attaccante portoghese.

Ascolta "Milan, Leao è tornato: tra Juventus, Ancelotti e i 50 milioni..." su Spreaker.
TRA RICHIESTE E SCELTE PER IL FUTURO - 28 milioni versati nelle casse del Lille su precisa indicazione di Boban, che in Leao aveva intravisto qualità da potenziale top player mondiale. Due anni dopo il Milan è convinto di aver portato a termine un'operazione intelligente, Massara e Maldini sono sicuri che il talento di Rafael è ormai in decollo. La fiducia del club rossonero sul classe 1999 è totale, una posizione chiara anche a livello strategico: Leao non è sul mercato, solo una proposta superiore ai 50 milioni potrebbe mettere a rischio quella che è un'idea condivisa tra l'area tecnica e quella dirigenziale. In passato sia l'Everton che il Wolverhampton avevano provato a sondare il terreno senza successo. Si è parlato molto di un interesse della Juventus ma risale ai tempi della esperienza allo Sporting Lisbona, quando gli scout bianconeri avevano segnato in rosso il nome di questo gioiellino nato 21 anni fa ad Almada. 'Rafa' è il presente e il futuro del Diavolo, su questo Maldini non ha mai avuto dei dubbi.