Commenta per primo

 

Sta per succedere qualcosa di importante nel mercato dell'Inter. Se così non fosse, un dirigente del calibro di Marco Branca, direttore dell'area tecnica nerazzurra, non sarebbe andato in Inghilterra a parlare con il Manchester City, e non avrebbe precisato, al suo ritorno, di non aver parlato con i Citizens di Wesley Sneijder. E se così non fosse, il giorno dopo quel viaggio di lavoro, il presidente Massimo Moratti, lo stesso Branca e il direttore sportivo Piero Ausilio non si sarebbero ritrovati ad Appiano Gentile. I tre ufficialmente hanno assistito alla rifinitura della squadra di Claudio Ranieri in vista del match di domani con il Parma, ma è davvero improbabile che non abbiano approfittato dell'occasione per fare il punto sul mercato.
 
Qualcosa bolle in pentola, dunque, qualcosa che potrebbe diventare ufficiale all'inizio della settimana prossima, subito dopo la ripresa del campionato. Già, ma cosa?
 
Gli scenari sono tanti, perché naturalmente non è solo l'Inter a decidere. Ci sono anche gli altri club e la volontà dei calciatori, sia di quelli che potrebbero arrivare che di quelli potrebbero partire. L'unica cosa certa è la volontà di Massimo Moratti di rinforzarsi da subito, senza aspettare l'estate. Perché è vero che l'Inter è in rimonta, ma le posizioni Champions sono ancora distanti e la squadra deve attrezzarsi per non fallire un appuntamento (la qualificazione alla Champions) che, se non centrato, potrebbe avere ripercussioni gravi sul mercato estivo e sulla prossima stagione.
 
Il primo scenario prevede l'arrivo di Carlitos Tevez e la partenza di Wesley Sneijder. I nerazzurri pensano di aver in mano un'offerta migliore di quella del Milan e confidano sul fatto che, se il City dovesse dire ancora no ai rossoneri, l'Apache (che per ora vuole solo il Milan) se ne farebbe una ragione e vestirebbe senza problemi la maglia nerazzurra. Per quanto riguarda Sneijder, l'olandese dall'estate scorsa non vede l'ora di partire e l'Inter sta cercando di venderlo. Il problema è che, finora, nessun club ha fatto pervenire un'offerta ritenuta adeguata.
 
Il secondo scenario prevede la partenza di Mauro Zarate, che finora ha deluso, e l'arrivo di Milos Krasic. Il serbo piace a Claudio Ranieri, che ha più volte chiesto velocità sulle fasce. Ma piace meno alla società, in particolare a Moratti, che ha molti dubbi sull'esterno della Juventus.
 
Il terzo scenario, quello più praticabile, riguarda i giovani brasiliani: Juan arriva di sicuro a inizio settimana, il sogno Lucas (per lui Moratti stravede) potrebbe avverarsi poco dopo, se saltesse l'affare Tevez. 
 
Qualcosa, in ogni caso, sta per succedere...