1
John Arne Riise, ex terzino della Roma, ha parlato in un'intervista a Roma Tv: “Io sono stato abbastanza fortunato da segnare un gol vittoria contro la Juventus, in trasferta. Non importa in che campionato giochi, vuoi sempre giocare con i giocatori più forti e le squadre migliori. La Juventus ha senz’altro dei giocatori che sono tra i migliori al mondo. Sarà bello per la Roma e per i tifosi giocarci contro ed essere lì, ma quella con la Juve è una delle gare più complicate. Uscire da quello stadio con una vittoria sarebbe fantastico”.

Probabilmente il gol alla Juventus è quello che mi ha semplificato la carriera a Roma. Pizarro aveva preso il pallone, ho subito pensato che era l’ultimo minuto e di buttarmi in area. L’area era vuota, non c’erano Totti, Vucinic, Perrotta e ho pensato di andare. Ho sbracciato per farmi vedere da Pizarro e fargli capire che ero solo sul secondo palo, lui con la sua grande visione di gioco mi ha servito una palla perfetta. Mentre la palla scendeva ho pensato per un attimo di rimetterla al centro per un compagno, oppure stopparla e tirare, ma come si avvicinava ho pensato di colpirla di testa. Vedere la palla entrare è stato… non sapevo nemmeno cosa fare. Ho cominciato a correre verso la curva, non vedevo i compagni, feci loro solo segno di seguirmi".