Antonio Sarchiello, da nove anni presidente dell’Academy Novara, è stato costretto suo malgrado a prendere una decisione tanto dolorosa quanto necessaria. D’intesa con la Federazione, ha “cancellato” dal campionato in corso l’intera squadra degli Under 17. 

Il motivo che ha spinto il massimo dirigente piemontese a rendersi autore di questa autentica operazione chirurgica radicale è da ascriversi ai giovanissimi giocatori della squadra i quali, reiteratamene e nonostante ripetute raccomandazioni, si sono comportati in modo indegno, violento e antisportivo durante le loro prestazioni in campo. Insulti, fallacci, provocazioni assortite nei confronti dei loro coetanei e avversari. Non una, ma ciascuna volta che scendevano sul terreno di gioco mettendo in grave imbarazzo il pubblico e lo stesso presidente il quale non è soltanto uomo di sport ma soprattutto padre di famiglia.

Tutti a casa, dunque, per clamorosa mortificazione del gioco del calcio e dello sport in senso ampio da pare di giovanissimi i quali, comportandosi da bulli come quelli che insultano i professori o addirittura prendono a sediate sul capo le insegnanti, dimostrato di possedere un concetto deviato e distorto della vita e di quelle che sono le regole fondamentali per a corretta convivenza civile.

La cosa più grave è che il presidente Sarchiello, prima di arrivare a prendere una decisione così clamorosa, aveva convocato a più riprese i genitori dei ragazzi spiegando loro che a quel modo non sarebbe stato possibile andare avanti sia per il buon nome della società m soprattutto per una questione educativa. Parole al vento, evidentemente, con l’epilogo fatale dell’Under 17 dell'Academy Novara che non esiste più.
Non voglio credere e neppure pensare che tutti gli “azzurrini” della squadra piemontese si siano resi responsabili diretti di questo bullismo applicato al calcio. Chi di questi sia o siano ufficialmente i bulli non è dato sapere ma la figuraccia la fa il branco intero. Con tanti complimenti autentici e grande solidarietà a un presidente per il quale l’importante non è soltanto vincere.


* Erroneamente in una prima stesura dell'articolo erano stati citati altri tesserati esterni alla vicenda. In particolare specifichiamo che non esiste alcun legame tra l'Academy Novara e il Novara Calcio, società che operano in modo assolutamente autonomo una dall'altra, e di conseguenza i tesserati del Novara Calcio non hanno niente a che vedere con l'Academy Novara.