52
Sandro Tonali convince tutti. Non solo l'Inter che voleva prenotarlo a maggio scorso in sinergia con la Sampdoria, senza dimenticare la Roma e un Napoli interessatissimo da mesi. Perché da pochi giorni ha fatto irruzione nella corsa al centrocampista classe 2000 del Brescia anche la Juventus, invaghita del regista che ricorda Pirlo e convinta di poter fare un investimento su di lui nei prossimi mesi. Insomma, Paratici si è iscritto alla corsa per arrivare a Tonali in attesa della convocazione in Nazionale che arriverà presto visti gli indizi di Mancini che lo ha menzionato di recente alla voce 'talenti in decollo'.

AFFARE APERTO - Da luglio scorso, la dirigenza della Juve si è mossa per prendere informazioni su Tonali. Più di un incontro con l'agente La Florio (ora affiancato dall'avvocato Bozzo) per sondare il terreno, Sandro intanto fa sempre meglio col Brescia dove il fattore che tiene tutto aperto è il solito presidente Cellino. Non fa sconti, vuole trattenere Tonali o venderlo solo con la formula giusta. Ha rifiutato tanti soldi dalla Roma (10 milioni circa), sa di Inter e Samp all'orizzonte, ha capito che la Juve è pronta a fare sul serio. E Paratici dovrà disegnare un percorso convincente per il ragazzo, come spiegato dal suo procuratore a Calciomercato.com poche settimane fa: "C'è tanta concorrenza, complesso immaginare di avere spazio alla Juventus, ma Tonali in bianconero potrebbe essere una soluzione se dovesse essere prospettato un progetto importante attorno al giocatore passando magari da un anno di prestito. Mai dire mai", La Florio dixit. La Juve adesso è pronta a passare ai fatti, ma è una corsa aperta. E lunghissima...