Commenta per primo

La Juventus è sempre alla ricerca di un centravanti in grado di fare la differenza e in quest'ottica restano sempre calde le piste che portano a Stevan Jovetic della Fiorentina e Fernando Llorente dell'Athletic Bilbao.

Ma andiamo con ordine: l'attaccante basco è sempre nel mirino della dirigenza bianconera e dopo averlo corteggiato per tutta estate, con esito negativo, farà un ultimo assalto nel mercato di riparazione. La concorrenza sarà davvero agguerrita perchè anche l'Inter di Andrea Stramaccioni e l'Arsenal di Arsene Wenger vogliono il calciatore che andrà in scadenza il 30 giugno del 2013 e non ha alcuna intenzione di rinnovare il suo contratto.

L'altro grande obiettivo della Juventus resta Stevan Jovetic anche se ieri Giuseppe Marotta ha dichiarato che il talento montenegrino della Fiorentina non interessa più alla Vecchia Signora: verità o bugia?

Tutto porta a pensare che si tratti di una piccola bugia anche perchè Jovetic ha uno sponsor importante che si chiama Mirko Vucinic e la dirigenza bianconera sta lavorando sottotraccia per portarlo a Torino nella prossima stagione. Secondo quanto riporta il Daily Mail la Juventus avrà una rivale in più nella corsa all'attaccante viola, ancora una volta l'Arsenal proverà a mettere i bastoni fra le ruote al club di Andrea Agnelli. Si parla di un'offerta di 43,5 milioni di euro (pari a 35 milioni di sterline), una cifra da capogiro difficilmente pareggiabile dalla Juventus.

Sembra che Arsene Wenger abbia un conto aperto con la squadra bianconera. Dopo aver dichiarto in estate: "La Juventus vuole i grandi giocatori offrendo cifre ridicole", il riferimento era a Robin Van Persie, grande obiettivo di mercato poi passato al Manchester United. Il tecnico francese dei Gunners incrocerà per l'ennesima volta, sul mercato, i colori bianconeri sfidandoli con tutta l'intenzione di soffiargli entrambi i calciatori, di contro la Juventus potrebbe fare uno sgarbo all'Arsenal convincendo Theo Walcott a trasferirsi a parametro zero, a giugno, a Torino.

Giuseppe Marotta e Fabio Paratici, memori di quanto successo quest'estate, avranno imparato la lezione e riusciranno a portare un grande fuoriclasse, a gennaio o a giugno, alla corte di Antonio Conte? Al mercato l'ardua sentenza.