4
Serviva ripartire dopo la debacle di Bologna e la Lazio lo ha fatto alla grande. Qualche polemica, ma vittoria meritata contro l'Inter per quanto visto in campo. Ecco le nostre valutazioni della squadra di Sarri al termine del match.

Le pagelle di CM:

Reina 6
: partita senza grandi pericoli quella del portiere spagnolo. Subisce gol su rigore. Poi si fa sempre trovare attento.

Marusic 6: solita partita ordinata del terzino montenegrino. Inizia a destra, conclude a sinistra, ma dà sempre grande sostanza.

Luiz Felipe 7: grande prova del brasiliano. Nel primo tempo si comporta bene, ma nel secondo sale del tutto in cattedra. Ferma ogni avanzata dei nerazzurri. Onnipresente. Peccato per l’ingenua (a dir poco) espulsione finale che costringerà la Lazio a giocare a Verona senza lui ed Acerbi.

Patric 6,5: chiamato in causa per sostituire Acerbi, lo spagnolo dimostra di essere la scelta giusta e si guadagna anche il rigore che dà il via alla rimonta biancoceleste.

Hysaj 5: nonostante la retroguardia biancoceleste non soffre molto, è suo il fallo ingenuo su Barella che comporta il rigore segnato da Perisic. Momento non troppo fortunato per il terzino albanese. (Al 66’ Lazzari 6,5: che ingresso per l’ex Spal. Grande spinta sulla destra. Una delle sue scorribande porta al 3-1 definitivo).
Milinkovic 7: al 91’ vola su punizione di Luis Alberto e fa 3-1. Quarto gol di fila ai nerazzurri e quinto in totale come all’Atalanta. C’è poco da fare: quando il Sergente vede nerazzurro non fa sconti. Leader.

Leiva 6: niente acuti per il play brasiliano. Si vede poco, ma fa bene il suo compito. (All’85’ Cataldi SV).

Basic 6: a sorpresa Sarri sceglie lui. Troppo importante la sua fisicità su Barella e sui calci piazzati considerata l’assenza di Acerbi. La risposta del croato è buona come contro la Lokomotiv, gli manca solo il gol (che sfiora al 24’). (Al 66’ Luis Alberto 6,5: il Mago entra alla grande. Con lui aumenta la qualità e al 91’ sforna anche l’assist per il 3-1 Milinkovic).

Felipe Anderson 7,5: passata la sosta il giocatore più pericoloso della Lazio si conferma lui. Dimarco e soprattutto Bastoni gli prendono al massimo la targa sulla destra. Rischia di far scattare la rissa sul gol del 2-1, ma l’azione andava conclusa. Pipe si prende la sua rivincita con Inzaghi. Quinto timbro all'Inter, vittima preferita anche per lui. Inarrestabile.

Immobile 6,5: al ritorno in campo il capitano si sacrifica molto per i suoi. In qualche occasione non è lucido come sempre, ma il suo timbro arriva puntuale. Rigore perfetto per cominciare la rimonta. Piola a -2. Sentenza.

Pedro 6: lo spagnolo si scambia continuamente con Felipe Anderson dando pochi punti di riferimento agli avversari. Non entra nel tabellino, ma è una spina nel fianco per la difesa dell’Inter. (Al 75’ Zaccagni 6: buon ingresso per l’ex Hellas al ritorno in campo dopo l’infortunio).

All.: Sarri 7,5: il tecnico biancoceleste aveva chiesto una reazione da uomini e quest’ultima c’è stata. Dopo la Roma, la Lazio piega anche l’Inter all’Olimpico e si rimette in carreggiata dopo la batosta di Bologna. Sarri può sorridere visto che la sua squadra ha avuto per la maggior parte del tempo il pallino del gioco contro i campioni d’Italia. Quinto successo in 8 incontri con Inzaghi. Bestia nera.