40
La regola numero uno del nuovo Milan di Ivan Gazidis è quella di abbattere il monte ingaggi. Per l'amministratore delegato rossonero non sarà certo facile portare avanti questa politica e farla combaciare con la costruzione di una squadra competitiva ai massimi livelli. Perché vorrà dire iniziare a valutare la cessione di pezzi da novanta come Gianluigi Donnarumma e Alessio Romagnoli. 

RINNOVO IN STANDBY - Per quanto concerne la situazione del capitano del Diavolo si registra una fase di stallo relativo al rinnovo del contratto. Mino Raiola aveva iniziato una discussione positiva con Zvonimir Boban ma l'addio del dirigente croato rischia di diventare una sorta di boomerang nella trattativa. Romagnoli si aspetta un miglioramento economico rispetto all'attuale ingaggio da 3,5 milioni di euro con la nuova scadenza fissata dal 2022 al 2024. 

LA POSIZIONE DI GAZIDIS E LE SIRENE SPAGNOLE - Difficilmente Ivan Gazidis riuscirà ad accontentare il proprio difensore centrale. L'idea sarebbe quella di chiedere uno sforzo al ribasso, una soluzione che potrebbe trovare l'opposizione del suo entourage. Mino Raiola non è entusiasta di quelle che sono le idee attuali del Milan e sta vagliando anche l'ipotesi di portare via Alessio Romagnoli. Che in Spagna piace al Barcellona e all'Atletico Madrid, ci sono stati dei sondaggi nelle scorse settimane.  Il club di via Aldo Rossi dovrà valutare se fare il passo avanti decisivo per blindare il proprio capitano e iniziare a prendere in considerazione la possibilità di una cessione la prossima estate.