50
L'Ajax si conferma una vetrina apprezzata dai migliori club d'Europa. Dopo l'ennesima Eredevise portata a casa, con l'allenatore Erik ten Hag che ha deciso, dopo cinque anni, di salutare Amsterdam, il club andrà incontro all'ennesima rivoluzione in estate. I Gondenzonen sono, da sempre, culla dei più grandi talenti d'Europa. Nonostante ciò, per il club olandese nessuno è mai stato incedibile. Anzi, la dirigenza dei Lancieri ha sempre accettato con grande filosofia la partenza dei suoi più grandi giocatori, riscontrando raramente difficoltà nel sostituirli. 

VIA IN 4 - in vista della prossima stagione, sono già in quattro, infatti, le figure ad aver salutato Amsterdam. Oltre a ten Hag, che aveva dato un'impronta molto precisa alla squadra, lasceranno l'Olanda  il portiere camerunese André Onana - già preso dall'Inter -, Noussair Mazraoui e Ryan Gravenberch - che, nonostante gli interessamenti, rispettivamente, di Milan e Juventus, sono entrambi destinati al Bayern Monaco
ALTRI 4 IN PARTENZA - Oltre ai giocatori sopracitati, ci sono tanti pezzi pregiati, nella rosa dell'Ajax, che potrebbero salutare Amsterdam a partire dalla prossima estate. In cima alla lista di numerosi club europei c'è Antony, esterno brasiliano classe 2000 che, in questa stagione, ha fatto il salto di qualità assoluto attirando le attenzioni della Premier League e del Milan. 
Jurrien Timber, olandese classe 2001, rientra tra i difensori più promettenti d'Europa. Il nuovo allenatore del Manchester United, ten Hag sarebbe più che felice di portarli con sé in Inghilterra.
Sebastien Haller, attaccante classe 1994, è il terzo miglior marcatore in questa edizione della Champions League con 11 gol dietro a due mostri sacri come Karim Benzema (15) e Robert Lewandowski (13 reti). Quest'ultimo è in trattativa col Barcellona e il Bayern Monaco medita di sostituirlo proprio con il nazionale ivoriano ex West Ham. 
Infine Nicolas Tagliafico è pronto a salutare la prossima estate. Gli ultimi anni vissuti con turbolenza hanno logorato sempre di più i rapporti tra la dirigenza e il terzino argentino, con il contratto in scadenza nel 2023 che non verrà rinnovato. 

AIACE TELAMONIO - Sarebbero perdite a dir poco gravi, quelle menzionate precedentemente, per i Lancieri. Tuttavia il club, storicamente, si appella alle radici del proprio nome. Infatti Ajax significa Aiace Telamonio, che nella mitologia greca era un valoroso condottiero. Proprio per questo, la squadra di Amsterdam andrà avanti, imperterrita, pronta ad aprire un nuovo ciclo abbinando come sempre risultati e bel gioco.