53
​Il calcio e il mondo delle scommesse sono tornate ad intrecciarsi pericolosamente nell'ultimo periodo. In Serie C, infatti, è stata aperta un'inchiesta in seguito alla denuncia del Monza Calcio ai Carabinieri di Alessandria per delle minacce di morte ricevute da un proprio calciatore affinché la squadra uscisse sconfitta nella sfida contro la Juventus Under 23.

LE MINACCE - Il calciatore in questione, riporta Radio Gold, poco prima della partita ha ricevuto un messaggio sul proprio cellulare contenente minacce di morte nel caso in cui il Monza non avesse perso la gara contro la Juventus Under 23: "Sei messo sotto tiro… il mio è un lavoro, ti avviso, devi perdere la partita… sappiamo il tuo indirizzo e tutto… abbiamo scommesso 250mila euro… ci sono albanesi e calabresi avvisa tutta la difesa che la partita si deve perdere al 1000% perché se per puro caso salta ti puoi considerare un morto che cammina e puoi anche andare a denunciare e peggio ancora sarai scannato".

INCHIESTA APERTA - Il giocatore si è prontamente rivolto ai dirigenti del Monza che hanno subito proceduto a sporgere denuncia presso i carabinieri di Alessndria. Il ragazzo è stato messo sotto tutela e, con accertamenti tecnologici, i carabinieri sono risaliti allo scommettitore che reperiva i numeri di telefono dei calciatori attraverso i propri profili social. Calciatori, al plurale, perché come riporta Sportmediaset l'accusa nei confronti dello scommettitore è di tentata estorsione pluriaggravata dato che gli vengono contestate minacce analoghe anche nei confronti di alti calciatori sotto contratto con Pro Vercelli e Viterbese.