167
Il futuro di Federico Chiesa alla Fiorentina è tutt'altro che certo, nonostante il recente ottimismo recato dal presidente della Viola Rocco Commisso: il gioiellino classe '97 infatti, giunto a Chicago dove si è aggregato ai compagni che stanno preparando l’International Champions Cup, è da tempo nel mirino della Juventus e ha richiesto espressamente un incontro al proprio presidente, nel quale intende ribadire la propria posizione, quella di essere ceduto. Reduce da un Europeo Under 21 non soddisfacente, Chiesa vedrà Commisso con tutta probabilità martedì prossimo, il 23 luglio, a New York, in un meeting a cui saranno presenti anche il braccio destro del presidente Joe Barone e il direttore sportivo della Fiorentina Daniele Pradè. 

CHIESA VUOLE ANDARE VIA, COMMISSO NON MOLLA MA IL MERCATO... - La volontà del calciatore non è affatto cambiata, dato che il desiderio è quello di  partire per approdare in una grande squadra, con la Juventus che attende e osserva sorniona: il nuovo arrivato Commisso non lo vuole vendere per l'impegno preso con i tifosi della Fiorentina e con Firenze appena arrivato in città, quello di trattenere il calciatore più forte della rosa viola. Proprio questa volontà però ha creato una situazione di contrapposizione tra il presidente e Chiesa, tanto da bloccare persino il mercato della Fiorentina: finora non sono arrivati rinforzi e tutto ciò comincia a creare apprensione tra la tifoseria.

L'OFFERTA DELLA JUVE - La Juve aspetta che Chiesa si liberi perché la volontà è quella di portarlo a Torino: la situazione dunque è tutt'altro che risolta, anche perché un'eventuale partenza di Chiesa recherebbe il tesoretto giusto per operare sul mercato al club viola, che altrimenti dovrebbe ricadere tutto sulle spalle di Commisso. Alcuni consiglieri del presidente americano stanno provando a farlo ragionare in merito, con la Fiorentina che corre comunque diversi rischi con la permanenza di Chiesa controvoglia: l'accordo tra Juventus e giocatore per un contratto quinquennale da 5 milioni l'anno è stato trovato nell'ultimo periodo dell'era Della Valle, mentre il club viola chiede per il cartellino una cifra tra i 60 e i 70 milioni.

IL SILENZIO DI CHIESA E GLI INDIZI SOCIAL - Indicativa della voglia di Chiesa di provare una nuova esperienza è il fatto che né lui né alcuno del suo entourage si è mai esposto per garantire la permanenza a Firenze, nonostante le diverse richieste tra cui quella del tecnico Vincenzo Montella, e anche il profilo Instagram del classe '97, sempre più sintomatico degli umori dei calciatori, riporta la ultima foto in maglia viola con data 13 aprile, tre mesi e mezzo fa: da allora solo foto informali o con la maglia della Nazionale azzurra. Mentre quella di club da viola potrebbe presto diventare bianconera, a fianco di CR7 e compagni. 

@AleDigio89