82
"Dybala? Spero che domani si alleni un po’ con noi per averlo al più presto a disposizione con il gruppo". Parola di Andrea Pirlo dopo la vittoria di ieri per 2-0 contro la Roma. La Juventus aspetta il suo numero 10, che sta recuperando dall'infortunio al ginocchio accusato contro il Sassuolo e non vede l'ora di tornare in campo. Può tornare tra i convocati già nella prossima partita in programma contro l'Inter in Coppa Italia, la semifinale di ritorno; o al più tardi in campionato col Napoli, sabato prossimo. Pirlo lo reinserirà con cautela, la speranza di tutti è che non si debba più fermare e possa ritrovare al più presto la miglior forma e la continuità fin qui mancata. Dopo Inter e Napoli, infatti, la Juve avrà l’ottavo di finale d’andata di Champions League contro il Porto, poi il Crotone, il Verona, lo Spezia, la Lazio e il ritorno con i portoghesi (il 9 marzo).​ Tante gare ravvicinate in un mese nel fittissimo calendario bianconero.

I NUMERI - Dybala vuole lasciarsi alle spalle una prima parte di stagione deludente, come testimoniato dai numeri: solo 2 gol in 11 partite di campionato, a cui si aggiunge una rete in 5 gare di Champions League. In totale sono 3 le marcature, in 16 presenze e solo 859'. Non ha mai fatto così male nella prima parte di stagione da quando veste la maglia della Juventus, lo dicono i numeri della Joya. Complessivamente la peggior stagione di Dybala alla Juve fin qui è quella 2018/19, con 10 gol realizzati e 2 assist in 42 gare. ​L'argentino vuole ripartire e svoltare, per offrire un'alternativa in più in attacco a Pirlo.
SI GIOCA TUTTO - ​Il grande assente nella Juve del Maestro fin qui è proprio Dybala, con Alvaro Morata che invece continua a brillare accanto a Cristiano Ronaldo. Il 10 rischia di essere ancora all’ombra della coppia titolare al rientro. 13 gol e 10 assist per Morata in questa stagione, 23 reti e 3 assist per il portoghese. I numeri sono dalla loro parte e non da quella di Dybala, che al ritorno si gioca il rinnovo con la Juventus e la permanenza in bianconero. La scadenza del contratto si avvicina (30 giugno 2022), ora che il mercato è chiuso la trattativa può ripartire. Come anticipato da calciomercato.com, dopo le schermaglie tra il giocatore e il presidente Andrea Agnelli dei mesi scorsi, è possibile immaginare un prolungamento per superare questo momento delicato, ma poi non sarebbe da escludere una cessione della Joya dopo la firma. Una tregua, in attesa di capire se proseguire insieme o meno. Tutto (o quasi) dipenderà dai prossimi mesi, dalla seconda parte di stagione che disputerà Dybala. E dai risultati che raggiungerà la prima Juve di Pirlo, che fin qui ha una Supercoppa Italiana in bacheca.