Sarà un Genoa in formazione largamente rimaneggiata quello che questa sera cercherà di fermare all'Olimpico la corsa della Lazio.

Tra infortuni e squalifiche l'ex di turno Davide Ballardini dovrà fare a meno di cinque pedine fondamentali nel proprio sistema di gioco. In difesa mancheranno due terzi del tridente titolare: con Spolli fermato per un turno dal giudice sportivo e Izzo alle prese con un fastidio muscolare, l'unico elemento della retroguardia rossoblù che sarà regolarmente al suo posto sarà il bosniaco Zukanovic, con Rossettini e Biraschi a completare il reparto davanti a Perin.

Guai anche sulla linea mediana dove Miguel Veloso sarà indisponibile almeno per le prossime tre o quattro settimane. Al posto del portoghese potrebbe quindi giocare fin dal primo minuto lo svedese Hjliemark, appena rientrato dal prestito al Panathinaikos. Ai suoi fianchi spazio per Bertolacci e Omeonga, con Laxalt e Rosi ad agire rispettivamente sulla fascia sinistra e su quella destra.

Scelte quasi obbligate infine anche in attacco, dove gli infortuni di Taarabt e Giuseppe Rossi lasciano un solo dubbio al tecnico romagnolo: chi impiegare a fianco a Pandev? A giocarsi una maglia i due centravanti Lapadula e Galabinov, con il bulgaro leggermente in vantaggio sull'italo-peruviano.