12
Una vittoria netta di dominio e personalità, contro una delle squadre più importanti di questo campionato Primavera 1. Il Lecce di Federico Coppitelli rifila un altisonante 2-0 all'Inter di Christian Chivu e si candida prepotentemente a un ruolo di protagonista assoluto di questa stagione anche grazie a una rosa ben assortita e in cui spiccano talenti già attenzionati da Baroni per la prima squadra e che presto potranno trovare l'esordio. È però stato principalmente il centrocampo salentino a colpire per qualità e dinamicità, non pagando dazio contro la muscolarità già nota di quello nerazzurro. E fra i nomi da segnarsi in rosso sul taccuino c'è sicuramente quello di Daniel Samek

INTUIZIONE DA 2 MILIONI - Centrocampista classe 2004, Samek in realtà il calcio dei grandi lo aveva già conosciuto in patria quando, a marzo 2021, lo Slavia Praga lo fece esordire prima in coppa e poi in campionato in prima squadra dopo una trafila di alti e bassi nelle giovanili. Samek infatti non sempre era riuscito a ritagliarsi uno spazio con i suoi pari età, ma nell'ultimo anno, quello dell'esordio, arrivò l'esplosione e il cambio di passo che tutti si attendevano. Nella scorsa stagione con la formazione Ceca arrivò anche a giocare in Europa, prima nei preliminari di Europa League e poi in Conference Leage trovando minutaggio e l'attenzione di tantissimi club d'Europa. In Italia il tentativo più concreto lo fece la Sampdoria, ma il Lecce, con Pantaleo Corvino, alla fine piazzò l'affondo definitivo da 2 milioni di euro per il costo del suo cartellino e che lo convinse a scegliere l'Italia. "Sarà una grande sfida, non pensavo che questo affare potesse concretizzarsi, ma ho fatto la scelta giusta" ha dichiarato presentandosi alla stampa italiana.
BOX TO BOX ALLA ZIELINSKI - Mezzala che può giocare sia a destra che a sinistra, anche se predilige il lato destrorso del campo, Samek è a tutti gli effetti un centrocampista box-to-box che sa modificare il proprio stile in base alle caratteristiche del compagno che ha accanto e che, all'occorrenza, potrebbe anche adattarsi in un centrocampo a due anche se c'è ancora da lavorare sulla fase difensiva. Se ci riuscisse potremmo paragonarlo al Sandro Tonali di oggi, ma per adesso il paragone più calzante potrebbe essere quello con Piotr Zielinski del Napoli. In patria in molti rivedono in lui Tomas Soucek, centrocampista della nazionale e del West Ham, ma lui ha più volte dichiarato di ispirarsi a giocatori più tecnico come il Frenkie de Jong dei tempi dell'Ajax, che oggi non sta brillando al Barcellona. 

PRONTO ALL'ESORDIO - Samek è a tutti gli effetti un centrocampista moderno che per la Primavera è ovviamente quasi un fuori-categoria e che, presto, sarà integrato da Marco Baroni nella prima squadra giallorossa. Con il Lecce dei grandi, infatti, Samek ha già fatto e continua a fare allenamenti e preparazione. È costantemente aggregato e nel ko ai supplementari di Coppa Italia contro il Cittadella è stato anche convocato. L'esordio è dietro l'angolo, ma nel frattempo Coppitelli potrà continuare a fare di lui uno dei fari di un centrocampo che può lottare per lo scudetto Primavera.