10
Apre e chiude i conti, subito Jack Raspadori. È stato il grande protagonista del mercato estivo del Napoli con una trattativa lunga e importante che lo ha portato ai piedi del Vesuvio gli ultimi giorni di mercato. È stato il grande protagonista anche ieri, nel primo impegno del Napoli nel ritiro in Turchia: una doppietta di gran livello e soprattutto un nuovo esperimento che ha voluto testare Spalletti con dei risultati più che incoraggianti.

JACK CENTROCAMPISTA - Sarà stata l'assenza di alcuni giocatori chiave, sarà stata la possibilità di lavorarci su con calma, ma Spalletti nel post partita si ritiene soddisfatto per quanto visto. Ieri nell'amichevole contro l'Antalyaspor (vinta per 3-2 dal Napoli) Raspadori ha lavorato in una nuova zona del campo, quella del centrocampo, galleggiando tra il ruolo di mezzala e quello del trequartista, in base alla fase di possesso/non possesso e dei momenti della gara. Sempre nel vivo dell'azione in questo 4-2-3-1/4-3-3, tant'è che l'ha sbloccata lui dopo 8 minuti di gioco, rubando palla e a tu per tu con il portiere l'ha infilata all'incrocio lontano con un destro chirurgico. Suo anche l'assist per il gol di Politano. È stato sempre Raspadori a siglare la terza rete, nella ripresa.
OK PER SPALLETTI - Al termine della gara è stato proprio Spalletti a confermare questa novità tattica dell'ex Sassuolo che si è abbassato tanto nel "nuovo ruolo" di mezzala, ritenendosi assolutamente soddisfatto: "Raspa ha i numeri del centrocampista puro sotto l'aspetto della corsa come chilometri e ha le accelerazioni dell'attaccante, più dei centrocampisti. Per cui era un pensiero che avevamo e ci siamo tolti lo sfizio di vederlo lì, la risposta è stata positiva".

IL MERCATO - In questo Napoli che viaggia a ritmi spediti c'è chi non sembra convintissimo del suo futuro. Demme vuole giocare di più, ha raccolto poco più di 20 minuti in gare ufficiali da quando è iniziata la stagione. Ieri in campo per tutto il secondo tempo, ha indossato anche la fascia di capitano con l'uscita di Meret. Però il tedesco può partire, anche se il Napoli non se ne libererà facilmente. Qualora dovesse arrivare l'offerta giusta con il conseguente addio, però, non ci sarebbe la rincorsa immediata per sostituirlo, dato che di soluzioni Spalletti ne sta trovando tante. A partire da Gaetano, sempre più dentro il progetto azzurro, fino ad arrivare proprio a Raspadori: chiaramente non come playmaker, ma rappresenta una risorsa in più in termini tattici, anche rinforzando il centrocampo, come visto nel test di ieri.