216
Tutto è bene ciò che finisce bene. L'Inter batte 2-1 l'Empoli e conferma il quarto posto in classifica dell'anno scorso, con conseguente qualficazione in Champions League ottenuta ancora all'ultima giornata di campionato. Anche se con meno punti (72-69), meno gol fatti (66-57) e più gol subiti (30-33). Condannando alla retrocessione in Serie B i toscani, usciti a testa altissima da San Siro. Dove in 30 anni di militanza allo stadio non mi era mai capitato di assistere a un secondo tempo del genere. 

Non ci sono parole per descrivere l'altalena di emozioni che accompagna un'incredibile catena di eventi. Aperta e chiusa da Keita, autore del primo vantaggio e (dopo aver fallito il colpo del ko in contropiede) del fallo su Dragowski che fa annullare il 3-1 di Brozovic. La rete decisiva di Nainggolan arriva al minuto 80:47, esattamente lo stesso in cui la prese Vecino l'anno scorso. Sugli scudi entrambi i portieri, i migliori in campo per distacco. Dopo il rigore parato dal giovane polacco all'ex capitano Icardi, il nuovo capitano Handanovic tiene in piedi la baracca salvandosi in almeno tre occasioni clamorose su Farias, Uçan e Caputo con l'aiuto di D'Ambrosio che devia sulla traversa. 

Guardando indietro nel tempo tornano alla mente tre date. Il 4 giugno 1995 la prima Inter di Moratti batte 2-1 in rimonta il Padova a San Siro grazie a un gol di Delvecchio al 90° e si qualifica in Coppa Uefa. Dalbert è più spaesato di Gresko il 5 maggio 2002, quando l'Inter si suicidò all'Olimpico contro la Lazio regalando lo scudetto alla Juve. Gli ultimi dieci minuti di ieri sera in casa con l'Empoli (poi retrocessa in Serie B) sono stati più sofferti di quelli in 10 contro 11 a Barcellona nella semifinale di ritorno in Champions League (poi vinta centrando il Triplete) il 28 aprile 2010.

Nel bene e nel male finali thrilling del genere può regalarli solo l'Inter, unica e sempre più pazza. Amata alla follia dal pubblico numero 1 in Italia, il quinto in Europa con 1,4 milioni di presenze a San Siro tra campionato e coppe: meglio del Real Madrid. 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

If life is a magical journey, then part of mine is in . I will do the best I can for this color. #Amala

Un post condiviso da Steven Zhang (@stevenzhang91) in data: