1193
L'inchiesta della Procura di Torino sulle plusvalenze della Juventus che ha portato a formalizzare le accuse di falso in bilancio e fatture fasulle a carico di tutta la dirigenza bianconera può scatenare il caos all'interno del sistema calcio italiano.

LA FIGC HA CHIESTO GLI ATTI - La Federcalcio ha chiesto informazioni alla procura sull'inchiesta e sul materiale acquisto in sede di perquisizione e i PM si sono subito dichiarati disponibili a collaborare. Gli stessi PM, intercettati dai giornalisti in seguito all'audizione odierna dell'ad Arrivabne, hanno rilasciato alcune battute che non tolgono ombre sull'intera Serie A e a domanda diretta sulla partenza di "una nuova Calciopoli" gli inquirenti hanno solo risposto che tutto il materiale sarà  passato alla procura della FIGC.

SISTEMA MALATO -  Marco Gianoglio, Ciro Santoriello e Mario Bendoni sono i tre PM che stanno portando avanti le indagini e da fonti legate al palazzo sono arrivate queste dichiarazioni: "E' un sistema malato quello che emerge dalle intercettazioni telefoniche ai dirigenti della Juventus. L'inchiesta penale è praticamente chiusa, ma invieremo alla procura sportiva tutti gli atti che abbiamo raccolto e non solo sulla squadra bianconera. Nuova calciopoli? Noi ci occupiamo di reati, questa è una valutazione che dovrà fare chi si occupa di illeciti sportivi".