28
Piace, eccome se piace. Ma non solo alla Juventus. Martin Odegaard è il nome nuovo del calcio europeo, uno dei talenti più cristallini di un movimento, quello norvegese, che si sta ricostruendo dopo anni bui. Classe 1998 (sì, avete letto bene), il ragazzo di Drammen non è il classico enfant prodige che segna gol a grappoli nelle giovanili, è un 15enne trequartista che gioca già con la prima squadra del Strømsgodset. Gioca e lascia il segno, come dimostrano i tre gol e cinque assist in campionato. Se uno è bravo, all'estero, gioca sempre, non importa quale sia l'età. Il "vorrei non bruciarlo" non fa parte della cultura scandinava, per questo non stupisce la convocazione da parte del ct della Norvegia Per-Mathias Hogmo, che lo ha fatto debuttare il 27 agosto a Stavanger nell’amichevole contro gli Emirati Arabi.

JUVE, MA NON SOLO - La Juve è rimasta affascinata da Odegaard, dalle parti del piccolo Marienlyst Stadion più di una volta sono stati avvistati scout bianconeri. Paratici è al lavoro per strappare una prelazione, ma le insidie non mancano. A partire dal Paris Saint-Germain che sta cercando di acquistarlo per poi lasciarlo maturare in Norvegia. C'è anche il Liverpool, squadra per cui Odegaard fa il tifo.