1
E' il più giovane allenatore di serie A. A 38 anni Raffaele Palladino ha sorpreso tutti con due vittorie su due in campionato contro Juventus e Sampdoria e zero gol subiti in 180' minuti. Uno score niente male per un tecnico al debutto su una panchina di una prima squadra. La scelta di Silvio Berlusconi di cambiare allenatore dopo appena sei giornate sta dando i suoi frutti. Per la prima volta in questa stagione il Monza è fuori dalla zona rossa ed è a soli tre punti dall'obiettivo fissato da Adriano Galliani ad inizio campionato: il decimo posto. E' chiaro che due partite non bastano per giudicare il lavoro del giovane mister, ma queste due gare hanno sicuramente dimostrato che la rosa del Monza è di grandissima qualità. A partire da quel Stefano Sensi che, in mezzo al campo, ha ritrovato la miglior condizione e il gol del 3-0 di ieri è andato a suggellare la miglior prestazione dell'ex Inter in questa stagione. I brianzoli, guidati da uno strepitoso Pablo Marì in difesa, non hanno risentito dell'assenza dell'ex Shakhtar Marlon nella retroguardia, segno che anche chi non parte spesso titolare può fare bene. Ieri, per esempio, Caldirola e Donati, finiti spesso dietro le quinte nell'era Stroppa, hanno fatto una buonissima prestazione. Detto di Sensi in mezzo al campo, ieri primo gol con la maglia della sua squadra per capitan Pessina al termine di un'azione corale davvero molto bella e secondo centro in campionato per Caprari che ha segnato un gol da antologia destinato ad essere uno dei più belli di questo campionato. Una rete che potrebbe finalmente sbloccare l'ex Verona spesso al centro delle critiche in questa stagione. Anche perchè là davanti, nonostante le tre reti realizzate, il Monza fa ancora molta fatica a concretizzare, un vecchio problema che la squadra si porta dai tempi di Stroppa. Per fortuna che il mercato di gennaio è quasi alle porte con un attaccante centrale che sarà l'obiettivo prioritario degli uomini mercato di Galliani.
Superate le difficoltà di apprendistato, in questo mese da qui alla sosta dei Mondiali è necessario fare più punti possibili per arrivare a gennaio in una situazione tranquilla. Visto il Monza delle ultime partite, con un calendario oggettivamente più abbordabile, il compito non sarà per niente arduo.