2
Massimo Gobbi conferma l'ultimatum lanciato dai giocatori del Parma: se entro lunedì non arrivano gli stipendi arretrati, la squadra metterà in mora la società, appena rilevata da Giampietro Manenti. "Ci dobbiamo tutelare dopo tutti questi mesi di attesa - ha dichiarato Gobbi -. Alla società abbiamo fatto presente che quella è la data più importante per il nostro futuro e non ci saranno ulteriori proroghe. E' tutto predisposto con la nostra associazione, l'Aic. Ora diamo comunque fiducia alla nuova proprietà, perché adesso possiamo fare solo questo. Arrivati a questo punto speriamo che tutto vada bene, ma sono stati mesi difficili. Spiace non aver sentito nulla sulla nostra situazione da Lega Calcio e Figc, visto che questa vicenda toccava comunque tutto il mondo del calcio".