31
Sampdoria-Salernitana 1-2

Audero 5: incolpevole sul primo gol ospite, responsabilità evidenti sul raddoppio. Poi ordinaria amministrazione.

Bereszynski 4,5: avvio da incubo. Prima prova a chiudere su Fazio (perso da Caputo) e il centrale gli mangia in testa, poi è fuori posizione sulla ripartenza della Salernitana da cui origina il raddoppio. Non attacca e soffre quando viene puntato.

Colley 5,5: come sempre, il meno peggio della difesa. Non ha evidenti responsabilità sui gol, ingaggia un duello fisico con Djuric e spesso lo vince pure.

Ferrari 5: si fa bruciare come un ragazzino su uno scatto di trenta metri da Ederson, provando a chiudere il buco di Bereszynski. Tante incertezze sparse.

Murru 5: brutta partita, sempre in ombra, mai pericoloso e piuttosto bloccato sulla linea dei quattro dietro.

(dal 1’ s.t. Augello 5,5: decisamente meglio di Murru, se non altro spinge e alza il baricentro della squadra, anche se inutilmente).

Candreva 4,5: disastroso. Solo passaggi indietro, mai una giocata, mai un guizzo, mai un’intuizione. Anche un po’ supponente, i colpi di taccco in questa partita ci stanno come il formaggio sul pesce.

Rincon 5,5: quantomeno, in mezzo al campo ci mette applicazione e grinta. Non può bastare, in un pomeriggio del genere, ma è più di quanto facciano altri compagni.
(dal 41’ s.t. Damsgaard s.v.: una delle poche note liete di giornata. Bentornato).

Thorsby 4,5: una volta averlo in campo era come giocare con un uomo in più, oggi sembra di averne uno in meno. Sbaglia tutto, non sale, non copre, non recupera palloni.

(dal 17’ s.t. Ekdal 5,5: con il suo ingresso, Rincon torna mezz’ala e lo svedese si piazza in regia. Ancora condizionato dai problemi fisici, non si può pretendere che stravolga la squadra).

Sensi 4,5: il peggiore in campo, in una delle peggiori Samp stagionali. Era arrivato per alzare il tasso tecnico della squadra, oggi sbaglia tutto, dal primo all’ultimo minuto. Solo tocchi scolastici e scontati.

Quagliarella 5: è in evidente difficoltà fisica. La voglia, a differenza di altri compagni, non gli manca, ma i difensori ospiti lo annientano regolarmente dal punto di vista della pura forza. Mette a referto solo una conclusione in porta, fuori misura.

(dal 17’ s.t. Sabiri 5,5: ci prova, ma anche lui non è il solito Sabiri. La gabbia campana lo contiene e lo spegne).

Caputo 6: nella strana posizione di marcatore sull’angolo da cui origina il gol, avrebbe nella sua zona Fazio ma si dimentica completamente del difensore che colpisce indisturbato. Si riscatta approfittando di un errore della difesa ospite e del portiere Sepe, ma è troppo poco. L'attacco, oggi ma in tutta la stagione, è troppo vuoto.

All. Giampaolo 4,5: questa forse, alla pari di quella vista con il Torino di D’Aversa, è la peggiore Samp stagionale. La partita era delicatissima, il Doria la approccia e la sviluppa come peggio non potrebbe. Il materiale umano è quello che è, il rendimento dei giocatori in campo anche, ma i blucerchiati non sanno letteralmente cosa fare del pallone. E se anche i senatori ti tradiscono, è dura…