6
Intervenuto ai microfoni di Sky e Mediaset, l’amministratore delegato dell’Inter, Beppe Marotta, parla della sfida di Champions

Servirà un’Inter ancora più matura?
“Sicuramente, sono forti loro e poi c’è questo ambiente che supporta fino all’ultimo minuto di gioco. Ma sono fiducioso perché abbiamo la mentalità giusto sia per il campionato che per questa competizione”.

In cosa avete dimostrato di essere maturi in queste gare?
“Credo che in tutte le partite abbiamo dimostrato maturità e un gioco piacevole. Queste sono componenti importanti sia quando abbiamo gestito il risultato che quando abbiamo dovuto recuperare contro il Bologna. Il percorso di crescita si sta sviluppando in modo positivo”.

Il diploma definitivo potrebbe essere il passaggio del turno di Champions?
“Sarebbe il primo diploma di maturità, sarebbe un risultato importante, i frutti di quanto stiamo seminando. Non ci poniamo limiti, sappiamo che è un percorso lento che richiede pazienza e attesa, ma abbiamo dimostrato di avere i giusti elementi. Abbiamo un allenatore molto esigente”.

Vidal a gennaio può essere utile?
“Parlando di cileni aspettiamo Sanchez, sarà un bell’acquisto e contribuirà a farci salire questi scalini. Un cileno è abbastanza? Si, esatto”.

A Mediaset 

La clausola di Lautaro è da eliminare?
“Siamo l'Inter e una grande squadra non deve necessariamente cedere i proprio campioni, a meno che i giocatori non vogliano andare via. Ma nel suo caso non conta la clausola, conta la voglia di crescere e di migliorare insieme ai compagni che ha".

Com'era Bobo Vieri al Ravenna?
"Un grande atleta, la sua carriera è stata ricca di soddisfazioni e di anno in anno è migliorato. Farei quindi il paragone con Lautaro Martinez, che ha iniziato a giocare in Serie A e sta migliorando".