Commenta per primo

Arrivato a 32 anni, per 700mila euro, in assoluta sordina, Emiliano Moretti è sbarcato a Torino (sponda granata, lui che da giovane era transitato su quella bianconera) guardato come uno di quelli che vengono a trascorrere in riva al Po i propri ultimi inverni da professionisti. Invece, il difensore ex Valencia è stato uno dei migliori interpreti del ruolo dell'intero campionato, giocando costantemente su livelli altissimi, diventando protagonista della cavalcata che ha portato infine all'Europa League ma anche entrando nel cuore dei tifosi del Toro, ricambiandone l'affetto. Lo racconta oggi Quotidiano Piemontese.

Nelle ultime settimane, Moretti si è infatti sottoposto a un "tour de force" nell'ambiente. Prima, è stato premiato dai tifosi al "Gran Galà Granata" di Toro.it come "Rivelazione dell'anno": mica consueto, per un 33enne. Quindi, ha girato diversi Toro Club. Le giovanili del Torino Fc si sono radunate a Superga con don Aldo Rabino e il presidente Cairo, e chi non ha voluto mancare? Moretti. La fascia di capitano "speciale" di Glik è stata messa all'asta, e chi è andato per la società a consegnare il ricavato a Casa UGI? Sempre lui. Non sarà un caso, sottolinea QP, che il contratto di Moretti sia stato prolungato fino al 2016; e anzi, pensano in molti, è un peccato che lui e il Toro non si siano trovati prima...