4
Napoli-Atalanta 2-3


Atalanta:

Musso 6: si prende qualche rischio nelle giocate con i piedi, ma tra i pali è sempre reattivo. Non può nulla sui due gol del Napoli.

Toloi 6,5: solita gara attenta sul suo lato, trova un assist al bacio per l'inserimento tanto anomalo quanto preciso di Demiral che pareggia momentaneamente i conti.

Demiral 6,5: perde Mertens sul gol del 2-1 napoletano alzandosi oltre il centrocampo. Rimedia mettendoci la sua grande cattiveria agonistica che lo porta a compiere ottimi interventi difensivi e soprattutto si inserisce per segnare il gol del 2-2.

Palomino 6: spesso avanza troppo e si fa trovare fuori posizione e sul suo lato l'Atalanta soffre di più. Tuttavia è suo il lancio per Zapata da cui nasce lo 0-1.

Zappacosta 6: primo tempo di buona spinta, cerca il gol nel primo tempo e poi viene sostituito all'intervallo (1' s.t. Hateboer 6,5: buon impatto, spinge tanto e partecipa ai gol nerazzurri).
Freuler 7: giostra la manovra nerazzurra con efficacia e soprattutto la sua conclusione sul finale vale tre punti pesantissimi.

De Roon 6: lavoro complicato ma abbastanza efficace sugli inserimenti di Zielinski

Maehle 5,5: manca la spinta di Gosens e si sente, non crea superiorità sulla fascia (36' s.t. Djimsiti s.v.).

Malinovskyi 7: la sblocca con il colpo della casa, la fucilata con il mancino da fuori (28' s.t. Pasalic 6: ci mette esperienza e densità in mezzo al campo).

Pessina 5,5: un po' in ombra, non trova gli spazi giusti (11' s.t. Ilicic 7: il suo ingresso cambia la partita. Dai suoi piedi nascono le azioni più pericolose e serve anche l'assist a Freuler).

Zapata 7: fa ammattire Rrahmani che non lo prende mai. Serve l'assist a Malinovskyi e solo il palo gli dice di no per il più classico dei gol dell'ex (37' s.t. Muriel s.v.).


Gasperini 7: la sua Atalanta c'è per lo scudetto. Peccato per la partenza sottotono, ma ora ha iniziato ad ingranare vincendo uno scontro diretto importante in casa del Napoli.