202
Il passaggio di Neymar Jr. dal Barcellona al Paris Saint Germain è stato sicuramente l'affare del secolo per il nostro calcio. Un affare da 222 milioni di euro che sta scatendando un effetto a catena sul mercato e sta complicando i piani di numerosi club fra cui anche quelli dello stesso Barcellona. Il circolo innescato da quest'operazione, ha portato tutti i club con cui il Barcellona sta trattando ad alzare vertiginosamente le cifre richieste per i propri giocatori. Il "fattore Neymar" ha portato il Borussia Dortmund ad alzare da 70 a 100 milioni la valutazione di Dembelè e il Liverpool a non muoversi da circa 150 milioni per la valutazione di Coutinho.

COUTINHO LI VALE? - Cifre impressionanti che se per Dembelè possono sembrare esagerate (è un classe '97 al secondo anno nei professionisti e con solo un anno in un club di primissimo livello alle spalle), non lo sono, nelle logiche di mercato, per Philippe Coutinho. La crescita dell'attuale numero 10 del Liverpool è stata costante nel corso degli anni a partire dalla seppur travagliata esperienza con l'Inter.

DA 11 A 150 MILIONI - Il prezzo lo fa il mercato, lo ripetiamo spesso su Calciomercato.com ed è questo, probabilmente, il più grande rimpianto dell'Inter. Coutinho ha sempre avuto qualità e anche in nerazzurro aveva iniziato a metterle in mostra. Il Liverpool ha colto un'occasione. L'Inter aveva bisogno di soldi per rinforzare una rosa in cui per lui c'era poco spazio e accettare allora 11 milioni di euro non fu una follia. Peccato per l'Inter che la crescita di Coutinho non si sia mai interrotta. Il Liverpool ha scelto di puntare tutto sulla sua crescita e gran parte dei risultati sportivi dei Reds negli ultimi anni sono legati proprio alle sue giocate, al suo rendimento e, purtroppo, anche ai suoi infortuni.

 E' PIU' DI UN SEMPLICE 10 - Coutinho è il fulcro del gioco, spostato sulla trequarti, del Liverpool. E' sempre al centro della manovra, dialoga coi compagni offre sponde, cerca sempre di creare la superiorità numerica e, sebbene difetti ancora un po' nella concretezza sottoporta anche i numeri in zona gol stanno crescendo vertiginosamente. E' un esterno sinistro destro di piede, tipico dei trequartisti moderni, ama alternarsi alle spalle delle punte e, anche grazie all'esperienza italiana, non difetta nello spirito di sacrificio in copertura. Di fatto è ben più di un "semplice" 10. E' un 10 moderno come ne esistono pochi altri nel nostro calcio.

E' UNA STELLA DEL NOSTRO CALCIO - Coutinho non è Neymar, ma è molto simile a lui per come condiziona il rendimento della squadra in cui gioca. Questo lo pone di diritto nell'olimpo del nostro calcio. E i più forti si pagano. 150 milioni per Coutinho non sono una follia, il Barcellona lo sa, a prescindere dal "fattore Neymar".