89
Uno è troppo caro, De Ligt. L’altro è troppo vecchio, Chiellini, e deve essere impiegato con grande cautela (anche se alla fine resta il migliore). Il terzo, Bonucci, si sta pian piano avvicinando pure lui a un’età in cui il calo atletico è inevitabile. Così la difesa bunker della Juve non è più tale, anzi incassa valanghe di gol: 10 nelle prime 6 giornate di campionato, un’enormità soprattutto per chi ha sempre costruito le proprie vittorie sulla solidità della retroguardia. Il dato è così allarmante da diventare quasi storico: da 33 anni (stagione 1988-89) i bianconeri non cominciavano con un bilancio così negativo in fatto di reti subite. Non solo: l’ultima volta che hanno chiuso una partita di campionato senza gol al passivo risale addirittura al 2 marzo, quando la squadra di Pirlo superò 3-0 lo Spezia in casa. Sabato, giorno in cui affronteranno il Torino nel derby, saranno passati 7 mesi esatti da quel giorno. Se Szczesny dovesse prendere almeno una rete dai granata, le gare consecutive senza clean sheet diventerebbero 21, eguagliando quanto capitato nel 1955 e mai più successo in seguito.

CONTINUA SU ILBIANCONERO.COM