3

L'avevano accusato di non spendere il tesoretto. Striscioni, critiche, dubbi. Napoli è così, mille colori e milioni di aspettative. Se poi prometti, devi mantenere. E De Laurentiis non ha ancora speso tutto quello che aveva pubblicamente preventivato. I maligni insistono: vuole e deve comprare adesso, per non pagare un'enormità di tasse per i troppi utili. Meglio a quel punto prendere calciatori. 

E così il silenzioso ma efficace Bigon oggi chiuderà per Jorginho dando 5 milioni per la metà al Verona e riservandosi un'opzione per il riscatto totale di altri 5 più bonus, valida per 18 mesi. Poi volerà a Londra per provare a definire con Baldini l'arrivo di Capoue, in questo caso ne serviranno almeno 10 per accontentare il Tottenham. 

E nel frattempo, continuerà via mail la trattativa -a sorpresa- per Bastos, sì quello che giocava a Lione ed era stato vicino a Juve e Roma in passato. Quando negli Emirati hanno accostato il suo nome al Napoli, sinceramente ci ho creduto poco. Che se ne fa Benitez di un altro esterno alto, che spinge molto e difende malino? Poi ha parlato la moglie del suo agente dicendo che era avanti la Roma e allora non ci ho capito più niente. Telefonate, sms, verifiche incrociate. 

Per capire che: Sabatini era a Barcellona per Sanabria e Montoya, Bastos non è un suo obiettivo caldo, mentre Bigon è avanti con le intese. Sempre più larghe. Se i club (Bastos gioca nell'Al Ain) sistemano i dettagli nelle prossime ore, il brasiliano sarà già in Italia nel week end per visite e firma, con il Napoli. La procuratrice ha depistato. Perché sì, capita anche questo, il mercato delle dichiarazioni rischia di mandarti fuori strada. Meglio quello dei tesoretti. 

Gianluca Di Marzio (giornalista Sky Sport)