12
Nel Lazio, ma non solo. ​Sono molte le regioni che hanno deciso di chiudere al pubblico gli eventi dilettantistici. Gare e campionati a porte chiuse, nonostante il protocollo pubblicato dalla Figc lo scorso 12 agosto, consentisse la presenza del pubblico fino a 1000 persone all'aperto e 200 al chiuso "negli eventi di minore entità". L'interpretazione di questa frase ha portato numerose autorità di pubblica sicurezza (ma anche comunali e provinciali) a dire no ai tifosi sugli spalti. L'Osservatorio sulle Manifestazioni Sportive ha identificato come "eventi di minore entità" solo tornei e gare amichevoli e non i campionati non professionistici o giovanili.