Commenta per primo
Il Chievo batte il Torino (4-3) ai calci di rigore e conquista il suo primo Scudetto Primavera. Privi della stella Da Silva e di Alimi, i clivensi giocano una gara tutto cuore e grinta ingabbiando con il loro 5-3-2 il Torino che Longo aveva disegnato con un 4-3-3. È proprio il Torino a partire meglio: all'8', con un destro a giro di Commentale, sfiora il vantaggio. Al 14' ancora Toro: angolo di Coccolo con Morra che prova la girata di testa, ma Moschin risponde presente. Il Chievo perde Marchionni per infortunio, al suo posto Gatto. Al 25' Morra con un destro da 30 metri chiama Moschin ad un super lavoro. Gli 'asini' prendono campo grazie al lavoro di Massetti e Staffè, e al 35' proprio il neo entrato Gatto sfiora la traversa di un nulla. Passano appena due minuti e Massetti da sinistra mette nel mezzo un bel cross con Brunetti che si avvita, ma la sua girata finisce alta. Dopo un minuto di recupero si va negli spogliatoi. Al rientro parte meglio il Toro, con Aramu che al 54' taglia tutto il campo da destra verso sinistra per poi servire Morra che, però, tira alle stelle. Il caldo inizia a essere letale, in campo si cammina e si vive solo di giocate individuali, come quella di Gatto che al 64' se ne va via sul fondo e prova a sorprendere Sarraco, che respinge. Poi la gara scivola via fino al 90', quando Coccolo disegna una palla perfetta per Barreca che sbaglia clamorosamente mandando tutti ai supplementari. Non è fortunato il Torino: lo capisci quando al 97' Aramu, di sinistro, colpisce un palo clamoroso. Poi si aspettano solo i rigori. Che partono con Gyasi (Torino) che colpisce la traversa, poi le reti in sequenza di Costa, Rosso, Brunetti, Aramu, Gatto, Barale e Yamka. Infine sul dischetto si presenta Morra che si fa ipnotizzare da Moschin, facendo scoppiare la gioia clivense. 

TORINO

Il tecnico del Torino, Moreno Longo: 'C'è grande rammarico per come è andata a finire, siamo arrivati a tanto così dallo Scudetto. Entrambe le squadre hanno onorato al meglio la manifestazione, stasera abbiamo dato tutto nonostante il grande caldo. Negli ultimi 20' i ragazzi hanno creato qualcosa in più degli avversari, ma non abbiamo avuto la freddezza e la lucidità per chiudere la gara. Ringrazio tutti questi splendidi ragazzi perché hanno portato in alto il nome del Torino'.

CHIEVO

Il tecnico del Chievo, Paolo Nicolato: 'Grande soddisfazione, è un cerchio che si chiude dopo tanti anni di lavoro. Per una squadra come il Chievo vincere lo Scudetto è qualcosa di straordinario. Abbiamo vinto contro formazioni più forti, ma questi ragazzi sapevano di avere le caratteristiche per farlo. Questa sera è stata dura, ma alla fine credo che abbiamo meritato questa vittoria'.