278
Nonostante un campionato deciso all'ultima giornata in quasi tutte le lotte, Dazn ha perso, scrive La Stampa, 70 milioni di  telespettatori rispetto a Sky nella stagione appena trascorsa. Gli abbonamenti non sono mai decollati a causa della possibilità di condividere gli account, i ricavi hanno superato di pochissimo le perdite, e ora la trattativa è complicata. 

SONDAGGI - Sky era timorosa all'idea di una stagione senza l'intera Serie A, mentre oggi ha capito che può ridurre i costi operativi limitando le perdite in fatto di abbonamenti e non ha un bisogno smodato di riappropriarsi della Serie A. Amazon Prime, invece, non sembra al momento interessata al campionato, o per lo meno non a tutto. Quindi alleggerire i conti della società è difficile per i consulenti. 

L'IDEA - A fronte di un'offerta intorno ai 300 milioni, Sky avrebbe messo in conto un'impennata di 500mila abbonati, che permetterebbe di rientrare tra i maggiori broadcaster della Serie A nonostante le frizioni generate dal cambio verso Dazn un anno fa. E lo streaming? Si valuta l'idea di riproporre il canale satellitare, e di affiancarne un secondo, ma è ancora un pensiero allo stato embrionale, che deve essere corredato da una linea su come gestire gli abbonamenti a Dazn, in passato scontati.