38
Beppe Marotta, ad dell'Inter, è intervenuto a Sky Sport prima della sfida di Champions League con lo Sheriff Tiraspol: "Ogni partita in Champions è decisiva, bisogna fare il massimo e ottenere punti. Affronteremo un avversario ostico, anche se il suo cammino è stato imprevisto, dobbiamo avere le giuste motivazioni per la vittoria".

RABBIA E VOGLIA DI REAGIRE DOPO L'OLIMPICO - "La partita di domenica è una storia a sé, bisogna vedere il cammino di questi mesi e vedere che la squadra si è comportata sempre bene. Anche a Roma fino al 60' avevamo in pugno la gara, ma non siamo stati capaci di gestire i minuti finali. Dobbiamo guardare con ottimismo al futuro senza disperdere le qualità".

RINNOVO BROZOVIC - "La questione dei rinnovi e dei prolungamenti non rappresenta un problema. Innanzitutto, all’Inter devono rimanere solo i giocatori che sono contenti di essere con noi. Per adesso, Brozovic ha manifestato l’intenzione di stare con noi, così come anche Lautaro, Barella, quelli che spesso sono stati menzionati. Direi che tutta l’intera rosa merita un encomio da parte nostra e, specificamente alla risposta, rispondo che nelle prossime settimane Ausilio e io avremo possibilità e modo di confrontarci".

CORRELAZIONE TRA QUALIFICAZIONE ED EVENTUALI ARRIVI A GENNAIO? - "No, non incide questo. La qualificazione ci darebbe un riconoscimento economico non sposterebbe la nostra strategia, poi a gennaio il mercato non sempre offre possibilità. Dobbiamo consolidare il gruppo che ha meritato di vincere lo Scudetto e iniziato bene il campionato. Poi coglieremo le opportunità che però a gennaio non sempre ci sono".
SHERIFF - A Mediaset, poi, Marotta aggiunge: "Tutte le gare di Champions sono importanti, stasera dobbiamo ottenere la vittoria a tutti i costi contro un avversario imprevedibile che ha avuto un cammino imprevisto. Lo Sheriff ha battuto Shakhtar e Real Madrid, è una squadra che porta con sé delle insidie e non è facile".

BONUCCI - "Ha detto che lo scorso anno abbiamo vinto più per demeriti della Juve che per meriti nostri? n questo momento c'è grande stress agonistico tra competizioni di club e nazionali. Leo è molto abile, questa sua affermazione non può fare altro che stimolarci maggiormente".

PIU' DIFFICOLTA' IN CHAMPIONS? - "Noi in Champions non abbiamo ancora fatto gol, è vero, ma le caratteristiche della nostra squadra sono offensive, in campionato siamo la squadra più prolifica. L'avversario di stasera è particolare, servirà un atteggiamento tattico offensivo e poi vedremo anche cosa faranno gli avversari".