124
Tutto in 90 minuti. Il futuro della Juventus dipenderà dalla sfida contro il Bologna, che la squadra di Andrea Pirlo è obbligata a vincere, per sperare in una qualificazione alla Champions League che renderebbe meno amara una stagione che non è andata secondo le aspettative. La partecipazione o meno al più importante torneo europeo - e gli introiti che ne derivano - sarà determinante anche per quanto riguarda il mercato. E, nello specifico, per decidere il futuro di Alvaro Morata.

 

ALTI E BASSI - La stagione dello spagnolo è stata caratterizzata da quegli stessi alti e bassi che lo hanno accompagnato per tutta la carriera. Decisivo, soprattutto in Champions, tra ottobre e novembre, il classe '92 ha poi avuto un netto calo di rendimento, dovuto anche a diversi problemi fisici, che hanno messo in dubbio la sua conferma nella Juve 2021/22. I 18 gol e i 12 assist collezionati fin qui non hanno convinto i bianconeri ad acquistarlo dall'Atletico Madrid, pagando i 45 milioni di euro previsti dagli accordi tra i due club. Ma Alvaro ha ancora un'occasione per restare bianconero.

FATTORE CL - In questi giorni Fabio Paratici e i suoi collaboratori hanno avuto dei contatti con Juanma Lopez, agente di Morata, a cui hanno illustrato la loro idea. In caso di Champions League, lo spagnolo resterà almeno per un'altra stagione: niente riscatto, ma rinnovo del prestito a 10 milioni. Determinante, quindi, fare bene nell'ultima giornata di campionato e sperare in un aiuto dell'Atalanta contro il Milan: 90 minuti per guadagnarsi il futuro.