270
Nella lunga intervista rilasciata all’ottimo Guido Vaciago di Tuttosport, Arrivabene ha detto tante cose. Che lui non si ritiene un competente di calcio ma vuole dire lo stesso la sua, che la Juventus vuole diventare un marchio globale come la Ferrari, che nonostante due aumenti di capitale i conti bianconeri piangono ancora, che con Dybala esisteva un accordo ma poi sono state fatte altre valutazioni dal cda, che Pogba arriverà e De Ligt se ne andrà via. 

L’AD bianconero ha parlato pure dell’effetto Stadium che non c’è più, e non se n’è rammaricato più di tanto, come invece stanno facendo da mesi sui social un bel po’ di tifosi juventini. Anche con una parte di ragione, perché è davvero squallido andare a vedere una partita della Juve ed avere l’impressione di essere a teatro anziché allo stadio. Non sembra nemmeno di giocare in casa, col tifo dei supporters avversari che quasi sempre sovrasta quello casalingo, pressoché inesistente. 

CONTINUA A LEGGERE SU ILBIANCONERO.COM