14
Antonio Conte, allenatore della Juventus, parla ai microfoni di Sky dopo la vittoria dei bianconeri sul Livorno nel posticipo della 32esima giornata di Serie a. 

Sulla lotta scudetto con la Roma: "Juve ancora a + 8, campionato chiuso? Assolutamente no. E' un campionato avvincente, con due squadre che stanno facendo cose straordinarie, battendo record. Va dato atto a Juventus e Roma, mancano sei gare e sapete come la penso. Non è chiuso niente, mancano sei match e dovremo essere bravi a continuare così".

Sulla formazione: "Era la formazione da fare. Rispetto a Lione ho messo Llorente e Lichtsteiner. Vidal era squalificato, a centrocampo avevo le scelte obbligate, c'erano poche alternative. Ogbonna è rientrato venerdì, Peluso idem, non avevo alternative. Sono contento che abbiamo fatto bene, dietro continuano a giocare e stanno facendo bene. C'è morale e voglia di continuare a fare bene. Perché alla fine del primo tempo ero corrucciato. Abbiamo concesso un po' di ripartenze al Livorno, questo non mi aveva convinto. Andavamo con sette giocatori in avanti, in un'azione con Pirlo ci siamo trovati con Emeghara contro la difesa. Volevo maggiore equilibrio. E' bello vedere la squadra che vuole attaccare, in panchina però chiediamo il giusto equilibrio. Prendere gol ora crea problemi psicologici, creando situazioni in partita che si possono modificare. Nella ripresa bene, potevamo segnare senza concedere nulla al Livorno".
Sul match di giovedì con il Lione, nel ritorno dei quarti di finale di Europa League: "Non possiamo staccare, tra tre giorni giocheremo e vogliamo la semifinale. Sarebbe bello tornare a quei livelli per una squadra italiana. Non sarà facile, il Lione ha vinto a Valenciennes e hanno buoni giocatori nelle ripartenze. Spero in uno stadio pieno che il pubblico sospinga questi ragazzi. C'è bisogno del pubblico delle grandi occasioni che ci sospinga nel rettilineo finale. Negli anni passati abbiamo vinto anche grazie a questo e speriamo sia così da qui alla fine".

Ai microfoni della Rai, Conte aggiunge: "La Juventus e la Roma stanno facendo entrambe un campionato straordinario, da vincenti. Vedere squadre che hanno investito e che stanno a 20-30 punti fa sicuramente effetto. Trovarsi il Napoli a 20 punti sicuramente è una novità per noi".
 
Get Adobe Flash player