53
"Un angolo per chi ha la visione del calcio di Nick Hornby, per chi vive la partita come un film, per chi reputa Babangida il miglior calciatore della storia. Un piccolo mondo per chi non ha scritto calcio con il pallone tra i piedi, ma con una penna tra le dita, una telecamera sulla spalla o un joystick in mano, per quelli cresciuti a pane, nutella e Holly e Benji . Il calcio visto con gli occhi, e gli occhiali, del Nerd".

Lo ha alzato al cielo, per mostrarlo a tutti. Ma il tempo delle presentazioni è finito da un pezzo. Kyle Walker nei panni di un moderno Rafiki, che di ruolo fa il terzino e non il saggio del villaggio, Gabriel Jesus in quelli del piccolo Simba. Anche il cucciolo lo conoscevano tutti, ma dagli elefanti alle giraffe, dai rinoceronti alle gazzelle, volevano solo vederlo un po' meglio. E questa sera, nel paloscenico della Champions League, anche noi avremo l'occasione di vederlo da vicino, di notarne l'immenso talento, di gustarci le infinite qualità. Il Manchester City è pronto ad affrontare il Napoli, e lo farà con il giovane Gabriel Jesus. l'erede al trono. Di chi? Beh, del Fenomeno

CHE NUMERI! - C'è una scena, in cui Mufasa parla al piccolo Simba e gli dice: "Vedi, un giorno tutto questo sarà tuo", indicando il regno illuminato dal sole, le Terre del Branco. Andando avanti nella storia, quando il Re è solamente una delle stelle più luminose del cielo, Mufasa ha un altro incontro con il figlio, dove ribadisce: "Tu sei l'unico vero Re". Lasciando il mondo animato Disney e le praterie sconfinate disegnate da Doug Ball e Robert Stanton e tornando nella vita reale e nei campi bagnati inglesi, l'erede di Luis Nazario de Lima Ronaldo sta facendo impazzire il mondo pallonaro: 6 gol in 7 partite di Premier League, arrivati però tutti nelle ultime 5 gare giocate; 1 in 2 di Champions League; senza dimenticare, poi, il Brasile, il regno di Ronnie, dove ha realizzato, con la Seleçao, 7 reti in 10 partite, compresa la doppietta che ha estromesso il Cile dal Mondiale di Russia. Perché unico vero erede di Ronaldo? Non lo diciamo noi...

PAROLA DI FENOMENO - Da Fenomeno a O Fenomeno il passo breve. Anzi, il doppio passo è breve per questi funamboli del pallone. L'ex centravanti di Barcellona, Inter, Real Madrid e Milan ne ha parlato così: "Vedo le coincidenze, lui è giovanissimo ma già con tanto successo e responsabilità. Ha una strada, un cammino dinanzi fantastico. Già ci incanta con quello che ha fatto". Conlcudendo, poi, così: "Io guardo Gabriel e rivedo il mio passato". E cosa ci ha insegnato il saggio Rafiki? "Dal passato puoi scappare o... imparare qualcosa". Proprio come sta facendo Gabriel Jesus, che sta mettendo in pratica i consigli del migliore di sempre. Sì, perché Ronaldo gli ha suggerito  anche un'altra cosa: "Giocare, essere felici e divertirsi col pallone. Poi gli allenatori ti chiederanno tantissime cose, ma quando hai la palla, divertiti e gioca". Tradotto? Hakuna Matata. Ma che dolce poesia...

@AngeTaglieri88