13
Come se la sconfitta contro la Roma non bastasse, a peggiorare la giornata dei tifosi del Torino ci ha pensato Iago Falque con le dichiarazioni rilasciare in zona mista a fine partita. L'attaccante spagnolo ha infatti aperto alla cessione. “Qua al Toro ho dimostrato di essere un giocatore di buon livello, ho fatto due stagioni importanti e a volte meritavo più rispetto di quello che ho avuto. Alla fine del mercato in Spagna mancano dodici giorni, adesso vedremo, dobbiamo prendere una decisione” ha tuonato il numero 14 granata. 

Rispetto che, stando a quanto dichiarato, Falque non ha sentito da parte dal di fuori della società: “Io penso che avrei meritato più rispetto dall'esterno, da parte della società e dall'allenatore la fiducia l'ho sempre sentita, la seconda punta la posso fare anche bene, penso che dopo due anni così non ci dovessero essere dubbi su Iago Falque, sul fatto che io possa fare la seconda parte. Adesso – ha poi continuato lo spagnolo dopo Torino-Roma - c'è una situazione diversa rispetto a quando ho iniziato il ritiro, adesso vedremo. Trovare un giocatore che fa dodici gol giocando da esterno ce ne sono pochi nella storia. Da fuori soprattutto mi aspettavo un po' più di rispetto, se me ne dovrò andare me ne vado a testa alta”. 

Iago Falque è nel mirino del Siviglia e, con l'arrivo di Simone Zaza, il rischio che nell'undici di Mazzarri gli spazi in campo per lui diminuiscano è alto. La sua cessione entro il 31 agosto, giorno in cui si chiuderà il calciomercato estivo anche in Spagna, è sempre più alto.