47
Il gol del 2-1 subito al 36esimo del secondo tempo e poi il crollo, troppo clamoroso, troppo plateale per passare sotto traccia. Quello che è successo in Toscana, nel  triangolare tra Livorno, Tau Calcio e Figline Valdarno, valido per la promozione in Serie D, ha suscitato forti polemiche. A tal punto da costringere Livorno e Tau Calcio - le due società danneggiate - a presentare un esposto alla lega competente e alla procura federale per illecito sportivo.

LA RICOSTRUZIONE - La partita incriminata è Tau Calcio-Figline, con gli ospiti, che dopo essere passati in vantaggio si erano fatti rimontare. Negli ultimi 10 minuti, tre gol subiti, uno più clamoroso dell'altro. Prima la punizione non troppo angolata su cui il portiere del Figline non si tuffa, poi lo stesso portiere che regala palla agli avversari per la rete del 4-1 e infine un altro pasticcio difensivo che porta il Tau a vincere 5-1. 
La spiegazione è semplice, questo risultato costringerà il Livorno a sconfiggere nello scontro diretto il Tau per essere promosso in Serie D. Non basterebbe infatti un pareggio tra le due società a causa della differenza reti, ribaltata per colpa dei 5 gol subiti dal Figline. Quest'ultimi, con la vittoria del Livorno, sarebbero anche loro promossi, motivo per cui è andato in scena il "teatrino" contro il Tau.