80
Il derby in testa, il campo prima e sopra a tutto. L'Inter viaggia spedita nella sua nuova settimana-tipo verso la sfida di domenica pomeriggio contro il Milan che, ovviamente, sta assorbendo tutte le energie e l'attenzione di dirigenti e società. È una gara spartiacque per la gestione presente di un club sul cui futuro aleggiano sia tante nubi, ma soprattutto una progettualità che, oggi rimane del tutto congelata anche e soprattutto sul mercato.

SQUADRA MERCATO - Attenzione, questo non vuol dire che l'Inter sia completamente ferma e non si stia portando avanti con il lavoro di scouting, di contatti con agenti e procuratori. Anzi, al contrario è proprio in questo momento che la tela che stanno tessendo Marotta e Ausilio deve farsi più forte e solida sia per gli obiettivi in entrata che per quei rinnovi di contratto tanto attesi dai giocatori e oggi virtualmente bloccati.
IDEE CHIARE - L'Inter ha le idee chiarissime sul come la rosa oggi a disposizione di Antonio Conte possa essere migliorata e sono 4 le piste che, ad ampio raggio, i dirigenti nerazzurri stanno battendo in vista del prossimo futuro. Ipotizzando di trattenere tutti o quasi gli attuali elementi della squadra, è chiaro come nel prossimo mercato verranno cercati 4 tipologie di calciatori. Serve un portiere di assoluto livello che possa affiancarsi e sostituirsi ad Handanovic, serve un Hakimi sulla corsia di sinistra, serve come il pane un attaccante con caratteristiche simili a Romelu Lukaku e, infine, serve quel vice-Brozovic che alla fine neanche Christian Eriksen è riuscito diventare.

TUTTO CONGELATO - Le idee, come detto, sono chiarissime, ma per poter affondare il colpo su qualunque degli obiettivi oggi per l'Inter non esiste alcun margine. Come detto sopra la testa di Conte, Marotta e Ausilio le nubi sul futuro societario stanno di fatto congelando ogni progetto. Chi ci sarà alla guida della proprietà detterà infatti le linee guida sugli investimenti, sulla gestione della rosa, sulla tipologia di progetto che sarà permessa e consentita. Suning? Bc Partners? Un terzo fondo? E con quanta liquidità? Tutto passa da questo piccolo, ma imprescindibile dettaglio.