214
L'Inter continua a fare i conti con un'abbondanza a centrocampo che blocca idee e sviluppi possibili in questi ultimi giorni di mercato. Il caso Nandez ne è l'esempio più concreto dato che per il centrocampista del Cagliari e promesso sposo nerazzurro non si potrà e non si riuscirà, almeno per ora, ad affondare il colpo. L'idea degli uomini mercato Beppe Marotta e Piero Ausilio è sempre stata quella di provare a liberare almeno tre slot in mezzo al campo occupati a inizio mercato dai rientranti Nainggolan (svincolato e oggi all'Anversa), Joao Mario (svincolato e oggi al Porto) e almeno uno fra Arturo Vidal e Matias Vecino importanti per ingaggio (il primo) e ammortamenti (il secondo) in ottica bilancio e spending review. Sul centrocampista uruguaiano è intervenuto il piccolo veto di Simone Inzaghi che preferirebbe mantenere in rosa un incursore con le sue caratteristiche. Per il secondo, invece, la resistenza all'addio arriva proprio dal cileno ex-Juve.

ALTRO NO ALLA CESSIONE - Vidal da tempo ha dichiarato e confermato a mezzo stampa di voler rimanere all'Inter anche per questa stagione e di far valere il suo contratto da circa 7 milioni annui (per cui però l'Inter ne esborsa circa 10 lordi in virtù del decreto crescita) in scadenza al termine di questa annata. Per questo dopo i no rifilati a Flamengo e Club America, il cileno secondo quanto riportato da La Tercera in Cile ha rifiutato anche l'ultima offerta arrivata per lui ed economicamente conveniente dell'Inter Miami di David Beckham. Vidal si sente ancora competitivo e vuole sia lottare per lo scudetto coi nerazzurri ma, soprattutto, confrontarsi ancora con la Champions League rimediando alla pessima campagna della passata stagione. Un altro no che blocca ancora il mercato dei nerazzurri.