31
Se sommiamo i minuti che ha giocato Aleksander Kolarov in questa stagione, non arriviamo nemmeno a un tempo pieno. Sono 44 i minuti giocati dal difensore dell'Inter tra campionato e Champions, tutti (pochi) spezzoni di partita nei quali non è mai riuscito a fare la differenza. Poco spazio, l'età che avanza e i problemi fisici che si fanno sentire. L'Inter sta cercando una soluzione per il serbo, individuato come uno dei giocatori in uscita per fare spazio a eventuali nuovi arrivi. Il diktat di Marotta è chiaro: se non ese nessuno non prendono nessuno. E lì a sinistra, ci sarebbe bisogno di un vice Perisic (Kostic il favorito).

IL RISPARMIO - Kolarov riflette e valuta cosa fare nel futuro e anche l'Inter è a caccia di una soluzione: il contratto del difensore è in scadenza a giugno, se i dirigenti nerazzurri riuscissero a trovargli una sistemazione già in questo mercato l'Inter risparmierebbe circa 1,2 milioni di euro lordi, che altrimenti dovrà versare al giocatore fino a giugno. 
NELLO STAFF - Non è esclusa l'ipotesi del ritiro immediato. Sì, Kolarov sta pensando seriamente di chiuderla qui con il calcio giocato. E non alla fine della stagione, ma proprio in questi mesi. L'idea del giocatore sarebbe quella di rimanere in questo mondo ma con un altro ruolo: c’è la possibilità che faccia l’agente come altri ex calciatori, ma Inzaghi sta pensando anche di proporgli di entrare nel suo staff e questa soluzione non dispiacerebbe affatto all’ex Lazio e Roma. Valutazioni in corso per Kolarov, presto si potrebbero aprire nuovi scenari.