87
L'Inter porta a casa il primo scontro diretto in questa Serie A, dopo la sconfitta con la Lazio e i pareggi con Atalanta, Juventus e Milan, e riapre la corsa scudetto portandosi a -4 dal Napoli e dai rossoneri. E ancora una volta, per la squadra di Inzaghi risulta decisivo il gioco aereo: un aspetto nel quale i nerazzurri dominano dall'inizio della stagione e che sta diventando sempre più un fattore nella rincorsa al secondo titolo consecutivo. L'addio di Lukaku ha tolto strapotere fisico all'attacco interista, compensata solo in parte dall'arrivo di Dzeko, ma l'efficacia offensiva non ne ha risentito: lo testimoniano i 32 gol realizzati finora (1° in Serie A), le 200 conclusioni (3°) di cui 74 nello specchio della porta (1°) e i 22 assist (1°).

NUMERI DA URLO - Come si sviluppano questi numeri? Producendo una gran mole di gioco partendo dai palloni scodellati verso l'area: ben 93 i cross utili, nessuno ha fatto meglio in Italia (seguono Fiorentina e Roma rispettivamente a 91 e 89); attenzione anche ai corner, 73 quelli conquistati finora (meglio hanno fatto solo Roma, 92, e Bologna, 82) che corrispondono al 35,4% di quelli battuti in tutto lo scorso campionato (206). Tanti cross e tanti corner, che vengono capitalizzati in buona percentuale con il colpo principe del gioco aereo: 9 i gol segnati di testa dai nerazzurri (ultimo quello di Perisic su corner di Calhanoglu contro il Napoli), poco meno di un terzo dei 32 totali, e primato in questo campionato davanti a Genoa (7) e Lazio (6). L'Inter lancia la rincorsa per il secondo scudetto consecutivo, mantenere il dominio nel gioco aereo può diventare l'arma in più per la squadra di Inzaghi.
Guarda la Serie A TIM su DAZN. Attiva ora