711
Oggi l'Inter festeggia lo scudetto a San Siro contro la Sampdoria, ma sullo sfondo restano i problemi societari. Il presidente Steven Zhang ha già fatto sapere alla dirigenza che Suning ha ordinato un taglio dei costi, a partire dagli stipendi. I primi segnali che arrivano dalla squadra non sono troppo positivi in questo senso. 

Infatti i calciatori ritengono di aver già aiutato la proprietà cinese, accettando il ritardo nel pagamento degli stipendi arretrati e rinunciando ai premi scudetto collettivi, ma non a quelli previsti dai singoli contratti. Inoltre non sembrano disposti ad abbassarsi gli ingaggi, rinunciando a una o due mensilità da spalmare nelle prossime due stagioni come vorrebbe Zhang. 

Il presidente ne parlerà alla spogliatoio nerazzurro settimana prossima, invece il faccia a faccia con l'allenatore Antonio Conte ci sarà soltanto dopo la partita con la Juventus. La prossima scadenza da rispettare è il 31 maggio, data entro la quale dovranno essere saldati tutti gli stipendi arretrati fino alla mensilità di marzo compresa per mettersi in regola in vista dell'iscrizione al campionato di Serie A 2021/2022. Nel frattempo Zhang è ancora al lavoro per definire il finanziamento multimilionario in modo da risolvere i problemi di liquidità, almeno fino al termine di questa stagione.