Nel giorno del rientro di Cristiano Ronaldo a Torino agli ordini di Maurizio Sarri è forse passato sottotraccia anche un altro arrivo importante nel ritiro della Juventus. Insieme al portoghese si è ripresentato ai blocchi di partenza anche Blaise Matuidi. Il centrocampista francese rischia però di restarci su quei blocchi, perché il suo futuro è ancora tutto da scrivere.

CONTRATTO E CONCORRENZA - L'arrivo a Torino di Adrien Rabiot e Aaron Ramsey insieme alla conferma di Miralem Pjanic e Rodrigo Bentancur oltre all'addio di Massimiliano Allegri hanno fatto scalare indietro Matuidi nelle gerarchie del centrocampo bianconero. Il contratto in scadenza soltanto fra un anno, inoltre, fa di lui uno dei "sacrificabili" sul mercato del club che di fronte ad offerte sostanziose è pronto a lasciarlo partire.

DUE OPZIONI - Oggi sono due le opzioni sul tavolo del centrocampista francese. Secondo il Corriere dello Sport per Matuidi Mino Raiola sta lavorando sia per un possibile ritorno a Parigi, al Paris Saint Germain per chiudere lì la carriera con l'ultimo grande contratto. L'alternativa resta quel Manchester United da cui il super-agente porterà via Paul Pogba e che è alla ricerca di sostituti. Matuidi piace, ma l'età, 32 anni, non è dalla sua parte. E la Juve? Aspetta e valuta. Uno fra lui e Khedira partirà.