34
Il direttore tecnico del Lecce, Pantaleo Corvino ha parlato in conferenza stampa della partita contro il Vicenza.

VIOLENZA DA CONDANNARe - “Noi condanniamo ogni forma di violenza e sottolineo ogni forma, compreso un singolo petardo se gettato vicino ad altre persone. E condanniamo anche un petardo gettato per gioire lontano dal terreno di gioco, sotto una transenna, perché ci sono altri modi di gioire. Incitiamo alla cultura del gioire in altre forme, anche se ripeto un petardo buttato in quel modo non c’è rischio che possa fare male a qualcuno poiché arrivato sotto le transenne, ben lontano da chiunque".

STOP LUNGO - "Ogni domenica in ogni stadio del mondo si convive con i petardi. Li condanniamo, ma è un dato di fatto che ci sono ovunque e che altrove non si vedono stop così lunghi per un petardo lanciato sotto le transenne per gioire. Si è enfatizzato il petardo, ma non è stato quello ad alterare la gara, poi vedremo se sarà stato un tifoso o meno.".
PAGLIACCIATA - "Però andava enfatizzata quella che è stata una sceneggiata, anzi una pagliacciata che ha alterato una gara che ci vedeva con merito vincenti ed in Serie A. Oggi saremmo a festeggiare la A, ma questo tesserato dal Vicenza ha negato questa gioia alla nostra città. Ho visto tutte le immagini in modo approfondito e posso dire che quella del portiere è stata una sceneggiata, si è enfatizzato il petardo e non l’atteggiamento del tesserato. Andrebbe aperta un’inchiesta dalla procura, la chiediamo noi“.