5
Il fatto che sia Lecce che Verona siano ancora alla ricerca di un attaccante l'ultimo giorno di mercato la dice lunga sulla sfida di stasera. A decidere quello che era già uno scontro diretto per la salvezza è stato un centrocampista subentrato nella ripresa, Matteo Pessina, classe '97 al debutto con la maglia gialloblù. Primi tre punti per Juric dopo il pareggio col Bologna, il Lecce rimane a zero punti dopo due partite. Il problema però ce l'hanno tutte e due le squadre: AAA attaccante cercasi. Zero gol in due partite per la squadra di Liverani, il Verona ne ha fatti due in due partite ma anche la settimana scorsa era stato un centrocampista - Miguel Veloso - a buttarla dentro (da calcio piazzato, tra l'altro).  

LAPA-GOL, MA QUANDO? - A Via del Mare erano tutti entusiasti per l'arrivo di Gianluca Lapadula, che finalmente ritrova il posto da titolare dopo una stagione difficile al Genoa. Lapa-gol. Sì, ma quando? Non in campionato, per ora: 180' di tiri e sgomitate dentro l'area, una settimana fa con l'Inter e oggi col Verona. Ma di reti neanche l'ombra. Non che vicino a lui sia andato meglio Filippo Falco, uno che alla fine attaccante non lo è neanche al cento per cento. L'ex Bologna era stato uno dei migliori dei suoi contro l'Inter, l'unico a cercare il guizzo nonostante lo 0-4. Stasera invece sono mancati i suoi strappi e lì davanti ha fatto poco e niente. Il gol non è arrivato nemmeno quando Liverani si è messo con un 4-2-4 inserendo La Mantia.

SENZA PUNTE - Non che sia andata meglio dall'altra parte, dove Juric ha deciso di giocare l'ultima mezz'ora senza una punta di ruolo. Verre, Zaccagni, Henderson: tre trequartisti che a rotazione facevano da falso nueve. Zero punti di riferimento agli avversari, ma neanche ai compagni. Cambiava poco in campo c'era Tutino. Attaccante di ruolo ma poco ispirato. Anzi, per niente. Tanto che dopo un'ora senza aver neanche essere andato vicino al gol, l'allenatore decide di levarlo. Primi tre punti conquistati grazie all'inserimento perfetto di Pessina che ha sfruttato l'assist di Zaccagni segnando in diagonale.

MERCATO - Domani la priorità per i dirigenti di Lecce e Verona sarà quella di cercare un attaccante che possa garantire qualche gol. I giallorossi, in realtà, potrebbero averlo già trovato in Khouma Babacar, attaccante in uscita dal Sassuolo con il quale però bisogna sistemare ancora alcuni dettagli. Per il Verona invece c'è più da lavorare: nonostante l'arrivo di Salcedo, Juric ha chiesto un altro attaccante e l'idea più concreta è quella che porta a Marius Stepinski del Chievo.

@francGuerrieri

IL TABELLINO

Lecce-Verona 0-0 (primo tempo 0-0)

Marcatori: 36' s.t. Pessina.

Assist: Zaccagni.

Lecce (4-3-1-2): Gabriel; Benzar (14' s.t. Rispoli), Lucioni, Rossettini, Dell'Orco; Majer, Tachtsidis, Shakov (20' s.t. La Mantia); Mancosu; Falco, Lapadula. All.: Liverani.

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, (33' s.t. Bocchetti), Gunter; Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazovic; Henderson (29' s.t. Pessina), Zaccagni; Tutino. All.: Juric.

Arbitro: Sacchi di Macerata; Di Vuolo, Colarossi.

Ammoniti: 3' p.t. Kumbulla (V), 22' p.t. Rossettini (L), 20' s.t. Gunter (V), 22' s.t. Verre (V), 40' s.t. Majer (L).